Brexit: all’Italia 3 eurodeputati in più se il Regno Unito lascia la Ue

di Alessandro Avico
Pubblicato il 26 marzo 2019 13:57 | Ultimo aggiornamento: 26 marzo 2019 13:57
Brexit: all'Italia 3 eurodeputati in più se il Regno Unito lascia la Ue

Brexit: all’Italia 3 eurodeputati in più se il Regno Unito lascia la Ue (Ansa)

ROMA – Se gli inglesi dovessero disertare le elezioni del nuovo Parlamento Europeo, in ragione della Brexit, l’Italia dovrebbe eleggere 3 eurodeputati in più a maggio. Se così fosse l’Italia passerà dagli attuali 73, a 76. Questi teorici tre eurodeputati in più saranno scelti dai cittadini del Nord Est (Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna), dell’Italia centrale (Toscana, Umbria, Marche e Lazio), infine dell’Italia meridionale (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria).  Una redistribuzione dei seggi parlamentari, quelli spettanti al Regno Unito, che porterebbe tra l’altro 5 eurodeputati in più a Francia e Spagna.

La Gazzetta Ufficiale ha infatti pubblicato il decreto per la ripartizione dei 76 seggi da eurodeputato spettanti all’Italia. Alla circoscrizione nordovest (Piemonte-Valle d’Aosta-Lombardia-Liguria) spettano 20 seggi; alla circoscrizione nordest (Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna) spettano 15 seggi; alla circoscrizione centro (Toscana, Umbria, Marche, Lazio) spettano 15 seggi; alla circoscrizione sud (Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria) spettano 18 seggi; alla circoscrizione isole (Sicilia e Sardegna) spettano 8 seggi. (Fonte Agi).