Expo, abbraccio Renzi-Hollande dopo il gelo sui migranti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 giugno 2015 12:10 | Ultimo aggiornamento: 21 giugno 2015 12:40
Expo, abbraccio Renzi-Hollande nella giornata dedicata alla Francia

Matteo Renzi e Francois Hollande (Foto da Twitter)

MILANO – E’ iniziata con un abbraccio tra il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e il presidente francese, Francois Hollande, la giornata dell’Expo dedicata alla Francia. Un abbraccio dopo le polemiche dei giorni scorsi tra Roma e Parigi per la chiusura delle frontiere al confine ligure, con i migranti bloccati a Ventimiglia.

Renzi e Hollande hanno assistito alla cerimonia dell’alzabandiera. Accanto al premier italiano il ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina. Accanto a Hollande, il collega francese, Stephan Le Foll. In prima fila tra la delegazione francese anche l‘attrice Carole Bouquet, alla sua seconda visita a Expo. Nessun discorso ufficiale dopo l’esecuzione degli inni. A piedi i due leader politici hanno cominciato la loro visita tra i padiglioni.

Dopo l’apertura ufficiale della Giornata nazionale della Francia ad Expo con i due inni nazionali, il presidente della Repubblica francese e il premier italiano si sono diretti a piedi lungo il decumano, la strada su cui sorgono i padiglioni dei Paesi stranieri all’Esposizione. Qualche applauso e tanti tentativi di fotografarli da parte della gente presente che vede l’imponente delegazione che si sta dirigendo verso il padiglione francese.

5 x 1000

La giornata prevede una serie di eventi e incontri tra Palazzo Italia e il padiglione francese, durante i quali i due capi di Stato discuteranno anche dell’emergenza profughi. Il presidente Hollande sarà accompagnato dal ministro degli Esteri Laurent Fabius e dal ministro dell’Ambiente Ségolène Royal. Su quest’ultima si ricorrono le voci di in possibile passaggio allo stand Nutella, in segno di distensione dopo le polemiche scatenate da alcune dichiarazioni sull’uso dell’olio di palma.

Presente è anche il sindaco di Milano Giuliano Pisapia, che ha detto:

“Il colloquio tra Renzi e Hollande e la presenza del sindaco a Expo rappresenta un invito forte a dire che non è possibile che la Francia chiuda le frontiere e che dobbiamo essere alleati in Europa per risolvere il problema epocale dell’immigrazione”.