Francia 2012, Hollande: “Se eletto manterrò il divieto di burqa”

Pubblicato il 27 Aprile 2012 9:42 | Ultimo aggiornamento: 27 Aprile 2012 9:53

PARIGI – Il candidato socialista alle presidenziali francesi, Francois Hollande, ha affermato stamattina ai microfoni di RTL che ”manterra’ la legge sul burqa” se sara’ eletto e che ”la fara’ applicare nel migliore dei modi”. Da un anno la legge francese vieta di nascondere il viso dietro ad un velo, un casco o un passamontagna negli spazi pubblici, in strada, nei giardini, nelle stazioni o negli esercizi commerciali.

Il testo riguarda 2.000 donne musulmane che, secondo cifre ufficiali, indossano in Francia il velo islamico integrale, burqa o niqab. Le forze dell’ordine non possono far togliere il velo a chi si rifiuta, ma chi nasconde il viso incorre in un’ammenda fino a 150 euro piu’ un corso obbligatorio di educazione civica.

La legge prevede anche sanzioni per gli uomini che costringono una donna a velarsi il viso: fino a un anno di carcere e 30.000 euro di ammenda, con possibilita’ di raddoppio della pena se la donna e’ minore. I deputati socialisti si erano astenuti all’Assemblea nazionale in occasione del voto sul burqa perche’ i loro emendamenti non erano stati accettati.

Il candidato socialista all’Eliseo, Francois Hollande, ha lanciato un implicito appello – stamattina dai microfoni di RTL – a votare per il partito dell’avversario Nicolas Sarkozy nel caso di duelli con il Fronte nazionale (estrema destra) alle legislative. Rispondendo alla domanda su cosa farebbe nel caso di duello tra il Fn e l’Ump, Hollande ha risposto che alle presidenziali del 2002 aveva ”lanciato un appello a votare Jacques Chirac contro Jean-Marie Le Pen. Faro’ lo stesso se mi trovassi in quella situazione, io non faccio distinzione fra repubblicani”.