Francia, Sarkozy pensa a un rimpasto: fuori Kouchner e Bachelot

Pubblicato il 17 Marzo 2010 19:37 | Ultimo aggiornamento: 17 Marzo 2010 19:39

Dopo la batosta elettorale al primo turno delle elezioni regionali di domenica scorsa il presidente francese Nicolas Sarkozy intende sbarazzarsi del ministro degli Esteri, Bernard Kouchner, e della ministra della Salute, Roselyne Bachelot: è quanto si legge sul settimanale Le Nouvel Observateur.

Contrariamente a ciò che ha dichiarato alla vigilia delle elezioni, il capo dell’Eliseo non si accontenterà infatti di «qualche aggiustamento governativo». Al contrario, spiega un’alta fonte governativa citata dal settimanale, ci saranno «modifiche sostanziali».

A partire dal licenziamento della Bachelot – a cui sarà trovata una nuova sistemazione per aver guastato le relazioni tra la destra al potere e gli ambienti medico-sanitari – e Bernard Kouchner, che sarà «semplicemente» mandato via. Nel numero di oggi, anche il giornale Le Canard Enchainè parla di un Kouchner «prossimo all’uscita».

«Come sempre quando c’è un’elezione – scrive il settimanale satirico – Kouchner è assente». Era in Lapponia il giorno del primo scrutinio, domenica scorsa, prevede di recarsi in Corea e Giappone durante il secondo turno, domenica prossima. Conclusione di Sarkozy, secondo il Canard Enchainè: «Kouchner non fa parte di quei ministri che si sono sudati sette camicie» per questa elezione. Sempre secondo il Canard Enchainè, che cita fonti governative, il premier Francois Fillon presenterà le proprie dimissioni già da lunedì prossimo, 22 marzo, subito dopo l’esito del secondo scrutinio. Dimissioni che verranno puntualmente respinte dallo stesso Sarkozy, che chiederà però a Fillon di procedere al rimpasto di governo.