Francia, sindacati: stop a email e sms fuori dall’ufficio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Settembre 2015 12:49 | Ultimo aggiornamento: 16 Settembre 2015 12:50
Francia, sindacati: stop a email e sms fuori dall'ufficio

(Foto d’archivio)

PARIGI – Basta sms ed email al di fuori dell‘orario di ufficio: la Francia propone il diritto alla disconnessione. Lo chiedono i sindacati in un rapporto presentato al governo da uno che non è un sindacalista, bensì un dirigente: il vicedirettore generale di Orange e responsabile delle risorse umane del gruppo di telecomunicazioni Bruno Mettling.

La richiesta arriva in vista della riforma del codice del Lavoro, che dovrà adeguarsi alle nuove realtà digitali che spesso fanno sì che il lavoratore non stacchi nemmeno quando finisce di lavorare ufficialmente, raggiunto da email e sms anche durante il fine settimana, la sera e magari la notte.

Mentre in Italia le nuove tecnologie fanno sì che i dipendenti vengano controllati di più, nella Francia delle 35 ore si discute di limitare gli extra, se così si possono definire. Il rapporto sul diritto alla disconnessione, firmato da Bruno Mettling, verrà discusso all’incontro tra sindacati, imprese e governo previsto per il 9 ottobre. In ogni caso non sarebbe un unicum: in Germania il colosso dell’auto Volkswagen ha deciso di sospendere le comunicazioni sui telefonini dei dipendenti tra le 18:15  e le 7 di mattina, nel Regno Unito è stata istituita una mezza giornata al mese senza email. L’obiettivo? Far tornare i dipendenti a parlare tra di loro, e non soltanto attraverso uno smartphone.