Gb, ministro vuole abolire le condanne al carcere inferiori ad un anno

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 giugno 2018 6:19 | Ultimo aggiornamento: 28 giugno 2018 23:39
gb carcere

Gb, ministro vuole abolire le condanne al carcere inferiori ad un anno

LONDRA – Nel Regno Unito le condanne al carcere inferiori a un anno dovrebbero essere abolite, salvo si tratti di reati gravi: è quanto sostiene Rory Stewart, [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] ministro aggiunto al Ministero della giustizia. Non sono mancate posizioni critiche di chi sostiene che l’iniziativa potrebbe trasformarsi in un “via libera ai criminali”.

Nonostante l’insistenza sulle condanne detentive rispetto a reati violenti e sessuali, Stewart ha annunciato che intende “ridurre significativamente, se non eliminare, il periodo di prigione di meno di 12 mesi”. Questo perché, a suo parere, i servizi socialmente utili sono più utili a ridurre i tassi di recidiva.

Tuttavia, scrive il Daily Mail, molti avranno il timore che un tale approccio segni la fine della “punizione veloce ed efficace” per i trasgressori della legge. Negli ultimi anni, giudici e magistrati sono stati sempre più riluttanti a utilizzare lavori socialmente utili nel timore che non fossero efficaci.

I ministri britannici mirano ad alleggerire le prigioni dove circola droga, in cui autolesionismo, violenza e aggressioni agli agenti della polizia penitenziaria hanno raggiunto livelli da record. Recentemente, il ministro della Giustizia David Gauke ha invitato i tribunali a utilizzare condanne brevi di meno di 12 mesi soltanto come “ultima risorsa”.

Stewart, scrive il tabloid britannico, nello stabilire il piano per ridurre il numero di detenuti, raddoppiati a 83.000 negli ultimi 25 anni, si è spinto oltre. Il discorso di Stewart è in un momento in cui la Gran Bretagna è alle prese con un’esplosione di criminalità. Lo scorso anno i reati violenti sono aumentati del 21%, la polizia ha registrato 1,3 milioni di reati.