Germania, accordo fatto sul nuovo governo fra Cdu e liberali

Pubblicato il 24 Ottobre 2009 - 11:45 OLTRE 6 MESI FA
Peter Ramsauer, democristiano di destra e nuovo ministro dei trasporti tedesco

Peter Ramsauer, democristiano di destra e nuovo ministro dei trasporti tedesco

Il nuovo governo di coalizione della cancelliera Angela Merkel (Cdu) è ormai realtà: l’ultima maratona negoziale, cominciata nel pomeriggio di ieri e conclusasi oggi nella notte, ha sancito l’accordo con i liberali (Fdp) di Guido Westerwelle. «Il negoziato è finito. Abbiamo raggiunto un buon accordo e questo è veramente un bel giorno per la Germania», ha detto alla stampa Peter Ramsauer, deputato conservatore dell’Unione cristiana sociale (Csu), gemello bavarese della Cdu. Secondo fonti vicine alla coalizione, è stato raggiunto un accordo anche sulla riduzione delle tasse e sulla ripartizione dei ministeri. Alle Finanze dovrebbe andare Wolfgang Schauble (Cdu), attuale ministro dell’Interno, mentre il leader dell’Fdp, Guido Westerwelle, dovrebbe essere nominato ministro degli Affari esteri. Lo stesso Ramsauer dovrebbe diventare ministro dei trasporti.

Nel nuovo governo tedesco non manca uno sguardo attento anche alle nuove componenti etncihe della società tedesca. Infatti il nuovo ministro della Salute sarà Philipp Roesler (Fdp), 36 anni, di origine vietnamita. Roesler fu adottato da una famiglia di Hannover, nella Bassa Sassonia, dove é stato ministro dei Trasporti e del Lavoro. E’ l’esponente più giovane del governo.

  

Angela Merkel in piena trattativa. Né Biancaneve, né sette nani
Angela Merkel in piena trattativa. Né Biancaneve, né sette nani

“La riforma della sistema fiscale è fra le misure che adotterà questo governo: non solo annunci, dunque, ma fatti”, ha detto Guido Westerwelle (FDP), presentando a Berlino con Angela Merkel l’accordo di governo. E la Merkel ha aggiunto: “Le previsioni della crescita economia e del mercato del lavoro sono per fortuna migliori di quelle di mezzo anno fa”. La Markel ha citato “i cinquecento mila disoccupati in meno previsti per l’anno prossimo dalla agenzia del lavoro”. La cancelliera ha dedicato un lungo passaggio alla crisi economica, sottolineando che la sfida del nuovo governo è uscirne.