Germania, Angela Merkel in calo: aprì ai rifugiati, voti per i populisti

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 dicembre 2017 6:00 | Ultimo aggiornamento: 18 dicembre 2017 17:27
Germania-Merkel-calo

Angela Merkel (Foto Ansa)

BERLINO – La crisi dei rifugiati ha intaccato il rapporto fra Angela Merkel e i tedeschi. Il suo declino politico è in movimento come una slavina, lenta all’inizio. Ma la difficoltà che la Merkel trova a formare una nuova coalizione di governo sono un segnale allarmante.

Sono passati tre mesi dalle elezioni del 24 settembre. La Germania continua a essere guidata da un Governo provvisorio: questo, nota il settimanale Der Spiegel, sta iniziando a dissipare l’eccellente reputazione politica di cui la Germania gode in Europa.

Tutto è fermo perché, scrive, sempre sullo Spiegel Dirk Kurbjuweit, i partiti sentono che sta per accadere qualcosa, qualcosa di grande: la fine dell’era Merkel. Di conseguenza, si comportano in modo diverso dal solito.

Potrebbe passare ancora un po’ di tempo, avverte Dirk Kurbjuweit, prima che Angela Merkel ceda il potere, ma è chiaro che siamo entrati nella fase finale del Merkelismo.

Questa forma di governance, negli ultimi 12 anni in Germania è stata dominante. Pone il consenso, la calma e la stabilità sopra ogni altra cosa. Ecco perché i leader del Merkelismo fanno tutto il possibile per evitare le dispute e placare l’elettorato. L’habitat naturale del Merkelismo è il centro politico, in cui il desiderio di consenso sociale è maggiore proprio perché il centro crede che sia l’incarnazione del consenso. Nessuna attenzione è rivolta alla periferia politica.

La Germania ha approfittato del Merkelismo. Il Paese ha “pattinato elegantemente” attraverso la crisi finanziaria globale e l’economia ha prosperato. Ciononostante, la Merkel non è mai stata capace di intraprendere importanti riforme, perché così facendo avrebbe irritato i cittadini e messo fine a un’opprimente tranquillità.

Ora il Merkelismo è in crisi perché due importanti prerequisiti non vengono più soddisfatti. Il primo richiede un clima sociale in cui sia possibile un ampio consenso. Per molti anni, in Germania c’è stato un consenso fondamentale. Il concetto di sedazione della Merkel in generale ha funzionato e neanche la più grande crisi finanziaria globale, ha diviso il Paese. Ma quella pace, alla fine si è conclusa nel 2015 a causa della crisi dei rifugiati, un conflitto che in parlamento ha colpito il partito Alternativa per la Germania (AfD), ha diviso i democratici cristiani della Merkel, ha allontanato il FDP dai Verdi e seminato discordia tra socialdemocratici di centro-sinistra e conservatori.

Tale divisione ora attraversa il centro politico e a destra è emersa una vasta posizione periferica dalla quale non è possibile un consenso. In effetti, la grande ironia è che il Merkelismo è scivolato in crisi perché ha violato i propri principi. Il cancelliere ha osato prendere una posizione sulla questione dei rifugiati e ha turbato una parte del Paese.

Ciò, nelle elezioni, ha comportato una scarsa visibilità dei democristiani della Merkel e la sua autorità, di conseguenza, ne ha sofferto. Le persone sono diventate consapevoli che è probabile governi per altri due o tre anni. E questo ha incoraggiato i suoi potenziali successori. Jens Spahn del CDU sta sfidando apertamente il cancelliere criticando le politiche sui rifugiati e mettendo in discussione con forza il desiderio di formare un governo insieme ai socialdemocratici di centrosinistra.

L’SPD e il FDP stanno ora prendendo le distanze dalla Merkel. Entrambe le parti, dall’esperienza hanno imparato che il Merkelismo vive anche risucchiando l’energia degli altri. Dopo aver governato insieme alla Merkel nelle passate coalizioni, ognuno di loro ha visto crollare il sostegno degli elettori. È l’era post-Merkel che ora logora i loro menti. E vogliono assicurarsi che, quando arriverà quel momento, si trovino nella migliore posizione possibile.

Nella fase finale di ogni epoca si tende a spostare l’attenzione verso il futuro. E ciò, per il presente, è un male. In Germania manca un governo stabile. Nel frattempo, il Merkelismo sta andando a rotoli. L’obiettivo del Merkelismo era stato quello di pacificare il Paese, ma le sue politiche per i rifugiati e la conseguente perdita di controllo, al contrario hanno innescato agitazione. Ha cercato stabilità quasi a ogni costo, ma ha spinto il Paese in uno dei periodi più instabili. Il più grande problema del Merkelismo, tuttavia, è la Merkel stessa, ora associata a una fine e non a un nuovo inizio.

Al momento, il danno non è travolgente. Il governo provvisorio, in carica da ottobre, come ci poteva aspettare, guida la repubblica in modo apatico. E ci sono parecchi cittadini che approvano un governo concentrato esclusivamente sulla gestione ordinaria ed è limitato nella quantità di denaro che può spendere.

Ma più a lungo andrà avanti il vuoto, più evidenti saranno gli svantaggi. Le decisioni importanti vengono rimandate, il peso della Germania in Europa e nel mondo si sta erodendo e, forse la cosa più importante, la paralisi a Berlino sta rafforzando le critiche populiste del sistema parlamentare e le affermazioni sul fatto che l’élite politica si preoccupa solo dei propri partiti e non del bene globale del Paese.