Germania, ministro nei guai: “Usò un jet militare per andare dal Papa”

Pubblicato il 2 Ottobre 2011 16:28 | Ultimo aggiornamento: 2 Ottobre 2011 16:28

BERLINO – Ha usato un volo di Stato per andare dal Papa. Il ministro dell’istruzione tedesco, Annette Schavan, è finita nei guai dopo la rivelazionme del settimanale Spiegel.

Secondo il giornale il ministro è volata da Benedetto XVI per un’udienza privata a bordo di un jet militare al costo di 150.000 euro nonostante ci fossero molti voli commerciali a disposizione.

Il viaggio, in compagnia di tre consiglieri, risale al marzo scorso, sei mesi prima la visita ufficiale di Benedetto XVI in Germania, conclusasi di recente. Il settimanale denuncia il fatto che ci fossero molti voli commerciali tra Berlino e Roma e quindi non c’era ragione di prendere un aereo militare al costo di 150.000 euro.

Pronta la replica del ministero dell’istruzione secondo cui se avesse preso un volo commerciale la titolare del dicastero non avrebbe potuto presenziare ad un evento organizzato dall’ambasciatore tedesco il pomeriggio della sua partenza per Roma. Stessa motivazione per il viaggio di ritorno: la Schavan doveva tenere un discorso ad un forum sull’istruzione in Bassa Sassonia, non appena fosse rientrata in Germania.

Le linee guida per i ministri tedeschi prevedono che si possano usare jet militari qualora “il viaggio non può essere intrapreso usando mezzi pubblici o qualora sussistano impegni imprescindibili che non possono essere assolti senza usare aerei militari”.