Germania, salario minimo. I Verdi chiedono 10 euro per ora

di Francesca Cavaliere
Pubblicato il 1 gennaio 2014 11:51 | Ultimo aggiornamento: 1 gennaio 2014 11:51
Frank Bsirske: salario minimo a 10 euro

Frank Bsirske: per i verdi tedeschi il salario minimo deve salire a 10 euro ora

BERLINO- Mentre nella coalizione rosso-nera si discute sulle particolarità da applicare al salario minimo di 8,50 euro per ora, il capo dei Verdi Frank Bsirske propone già 10 euro per ora.

“Noi ci battiamo affinché si arrivi rapidamente a 10 euro. Dato che i prezzi co continuano a salire, il salario minimo dovrebbe essere aumentato prima di quanto previsto”, ha infatti dichiarato Frank Bsirske al quotidiano tedesco Bild .

Come riporta l’agenzia di stampa Reuters, il vicepresidente del gruppo parlamentare del partito socialdemocratico tedesco SPD Hubertus Heil ha reagito con calma alle voci provenienti dall’Unione che chiedono deroghe al salario minimo. “Ci sarà un salario minimo legale generale come concordato”, ha detto il politico della SPD alla radio tedesca. “L’accordo di coalizione sarà messo in pratica”.

Tuttavia, per quanto riguarda il compenso degli apprendisti, sembra anche che Heil ritenga giusto che ci siano delle differenziazioni nel salario minimo generale. “I compensi degli apprendisti sono una cosa completamente diversa, non costituiscono il nocciolo del salario minimo”, ha affermato Hubertus Heil.

Diversi politici dell’Unione avevano chiesto deroghe al salario minimo legale proposto. “La SPD dovrebbe essere aperta ad argomenti concreti e convincenti “, ha detto la vicepresidente della CDU Julia Klöckner al giornale tedesco Die Welt. “Gli accordi del contratto di coalizione dovrebbero essere attuati in modo pragmatico. Con tutto il rispetto per l’importanza dei trofei che si vogliono mettere in vetrina, trovare delle soluzioni pratiche nell’interesse delle persone non significa perdere credibilità”.

Secondo l’accordo della coalizione, il salario minimo legale di Euro 8,50 per ora, imposto dalla SPD, sarà introdotto a partire dal 1 gennaio del 2015 con disposizioni transitorie per singoli ambiti tariffari.

A chiedere l’applicazione di particolarità al salario minimo è più di un deputato.

Julia Klöckner ha chiesto che ci siano delle differenze da applicare ai lavoratori stagionali, ai pensionati e agli studenti.

Il deputato della CDU Michael Fuchs ha richiesto disposizioni particolari: “Ci devono essere delle differenziazioni altrimenti andranno persi dei posti di lavoro”, ha affermato il politico tedesco.

Il capo della CSU Horst Seehofer è già da molto che parla di non applicare a tutti i lavoratori il salario minimo proposto.

Anche la Camera tedesca dell’Industria e del Commercio (DIHK) si oppone a un livello minimo generale di retribuzione.

“Le decisioni potrebbero pesare sul mercato del lavoro. Perciò speriamo che le cose migliorino”, ha ribadito il presidente della DIHK Eric Schweitzer al giornale tedesco Saarbrücker Zeitung”.