Germania: l’ultradestra di AfD sfonda in Brandeburgo e Sassonia. Ma resta secondo partito

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 Settembre 2019 11:36 | Ultimo aggiornamento: 2 Settembre 2019 11:36
Germania: exploit ultradestra AfD in Brandeburgo e Sassonia

Un militante dell’ultradestra tedesca di Alternative fur Deutschland

ROMA – L’ultradestra tedesca (AfD, Alternative fur Deutschland) registra un exploit al voto in due regioni dell’est, tuttavia non sfonda, restando secondo partito sia in Brandeburgo che in Sassonia. “Un risultato difficile”: così la leader della Cdu, Annegret Kramp-Karrenbauer, ha definito l’esito delle elezioni nei due Land orientali della Germania, dove la Cdu è rimasta in testa in Sassonia (con il 32,1%) pur perdendo il 7,3% rispetto al 2014, e in Brandeburgo è arrivata terza (con 15,6%) scendendo anche qui di un significativo 7,4%.

La Cdu: “Nessuna collaborazione con AfD”

Nonostante l’impossibilità di replicare un governo con i socialdemocratici in Sassonia, il ministro-presidente in carica, Micheal Kretschmer “ha chiaramente detto che non ci sarà nessuna collaborazione con l’AfD – ha detto Kramp-Karrenbauer ai microfoni dell’Ard stamattina – e io sono fermamente convinta che molti hanno votato la Cdu anche per questo”. Di opinione diversa è la co-leader dell’AfD Alice Weidel, che ha commentato stamattina: “Adesso la Cdu si deve chiedere se non vorrebbe parlare con noi”. Secondo gli analisti l’unica coalizione che potrebbe avere una maggioranza in Sassonia, escludendo l’AfD che ha raggiunto il 27,5% (+ 17,8%) dovrebbe essere composte da Cdu-Spd e Verdi.

Sassonia: Cdu 32,1% (-7,3%), AfD 27,5% (+17,8%)

La Cdu vince in Sassonia con il 32,1% (-7,3% rispetto al 2014) e stacca di circa 5 punti l’AfD, che si attesta come secondo partito al 27,5% con uno straordinario risultato (+17,8%). La Linke è il terzo partito nel parlamento di Dresda con il 10,4% (-8,5%), i verdi sono il quarto con l’8,6% (+2,9%), l’Spd registra perdite significative (-4,7%) e si ferma al 7,7%.

Brandeburgo: Spd 26,2% (-5,7%), AfD 23,5% (+11,3%)

L’Spd in Brandeburgo si attesta come primo partito con il 26,2%, pur registrando perdite significative (-5,7% rispetto al 2014). L’Afd diventa il secondo partito con il 23,5% (+11,3%). Al terzo posto si colloca la Cdu con il 15,6% (-7,4%), seguito dai Verdi che fanno un balzo in avanti con il 10,8% (+4,6%) e infine dalla Linke che registra la perdita maggiore di elettori, raggiungendo appena il 10,7% (-7,9%). In entrambi i Parlamenti regionali della Sassonia e del Brandeburgo i liberali restano sotto la soglia di sbarramento. (fonte Ansa)