Germania vuole limitare sussidi per cittadini Ue: “Bulgari e rumeni se ne approfittano”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Marzo 2014 21:46 | Ultimo aggiornamento: 26 Marzo 2014 21:46
La Germania vuole limitare sussidi per cittadini Ue

Angela Merkel (LaPresse)

BERLINO – Il governo tedesco vuole contrastare eventuali abusi del sistema di sussidi sociali da parte di cittadini di altri Stati dell’Unione europea, limitando, se necessario, la possibilità di tornare in Germania a chi fosse scoperto a truffare lo Stato. E’ quanto hanno reso noto il ministro degli Interni, Thomas de Maiziere, e la ministra del Lavoro, Andrea Nahles, dopo la riunione settimanale di gabinetto.

L’esecutivo ha appena approvato un rapporto parziale di un gruppo di lavoro composto da sottosegretari di quasi tutti i ministeri. Nelle oltre 133 pagine, tra le altre cose, si sostiene la possibilità di vietare l’ingresso in Germania per un certo periodo di tempo a coloro che avessero abusato dello stato sociale tedesco, di limitare temporaneamente il permesso di soggiorno per la ricerca di lavoro e di legare gli aiuti economici per le famiglie con figli a condizioni più stringenti. Le misure seguono il dibattito scaturito dalle difficoltà manifestate da alcune città a sostenere socialmente il nuovo arrivo di migranti, in particolare dalla Bulgaria e Romania.

Le amministrazioni che hanno manifestato preoccupazione – tra cui Duisburg, Francoforte, Monaco, Offenbach e Amburgo – potrebbero ricevere l’aiuto del governo federale attraverso un fondo di circa 200 milioni di euro. Nei mesi scorsi il timore dell’abuso dello stato sociale tedesco da parte di migranti dell’Ue era stato agitato dal partito bavarese Csu, al governo con la Cdu della cancelliera Angela Merkel e la Spd. L’idea, molto controversa in Germania, di espellere chi avesse abusato delle tutele offerte era stata sponsorizzata proprio dai cristianosociali. La libertà di movimento in Europa non è in discussione, precisa il documento. Ma gli abusi devono essere contrastati.