Grecia costretta a tagliare tutto, ma non le armi (di importazione tedesca)

Pubblicato il 10 gennaio 2012 14:43 | Ultimo aggiornamento: 10 gennaio 2012 14:46

ATENE – La Merkel impone alla Grecia tagli lineari alla spesa pubblica ma non alla Difesa. A sostenerlo è il quotidiano Libero che in un articolo, comparso il 10 gennaio, riporta un’inchiesta del settimanale  Die Zeit. Secondo il giornale di Amburgo i rifornimenti di armamenti della Grecia sarebbero tutti di provenienza tedesca. Con un esercito di 130mila uomini, la Grecia spende per la Difesa più di sette miliardi di euro, pari al 3% del Pil: nella Nato soltanto gli Stati Uniti spendono di più.

Il quotidiano Libero commenta così le spese della Difesa ellenica: “È una mangiatoia formidabile per l’industria militare della Germania che negli ultimi anni ne ha approfittato per piazzare negli arsenali greci 170 panzer Leopard dell’ultima generazione (valore 1,7 miliardi) e 223 cannoni semoventi corazzati del tipo M 109 dismessi dalla Bundeswehr”. Ottimi affari farebbero anche i cantieri Howaldtswerke di Kiel sul mar Baltico, con la vendita alla flotta greca di quattro sommergibili per quasi 3 miliardi di euro.

Come per i panzer, anche per i sommergibili, il governo di Papademos ha ottenuto dai costruttori tedeschi l’apertura sul territorio greco di fabbriche di assemblaggio e di cantieri di rifinitura che hanno creato circa mille nuovi posti di lavoro. Lo scoppio della crisi ha moltiplicato vertiginosamente i rischi delle banche tedesche che hanno finanziato le commesse. Anche questo – a detta del giornale diretto da Belpietro – spiegherebbe l’indulgenza di Berlino nei confronti dei generali di Atene.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other