Grecia, dieta da 11,5 miliardi. Accordo dei partiti sui tagli per la salvezza

Pubblicato il 1 agosto 2012 20:16 | Ultimo aggiornamento: 1 agosto 2012 20:17
euro

(Foto LaPresse)

ATENE – Per la Grecia pronta la dieta da 11,5 miliardi, tagli per salvarsi dal default su cui i leader dei tre partiti della coalizione di governo hanno trovato l’accordo. Tagli che aprono la strada a un accordo con le autorità internazionali che garantiscono il salvataggio di Atene. Il ministro delle Finanze, Yannis Stournaras, ha detto che “la proposta del primo ministro, Antonis Samaras, è stata accettata dai leader politici”.

I partiti che formano la coalizione di governo hanno chiesto che i termini dell’accordo con la troika formata da Bce, Fmi e Ue vengano rinegoziati. Evangelos Venizelos, leader del partito socialista, ha affermato che Atene deve chiedere più tempo per raggiungere gli obiettivi fissati dal piano di salvataggio. Secondo quanto riferito da alcune fonti, Samaras ha detto agli alleati di governo che la Grecia non ha altra scelta che accettare le misure al momento e rinegoziare in una fase successiva.