Grecia: Tsipras rifiuta ultima offerta Ue. A mezzanotte scatta il default

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 giugno 2015 9:35 | Ultimo aggiornamento: 30 giugno 2015 9:35
Grecia: Tsipras rifiuta ultima offerta Ue. A mezzanotte scatta il default

Grecia: Tsipras rifiuta ultima offerta Ue. A mezzanotte scatta il default

ROMA – Il presidente della commissione europea Jean-Claude Juncker ha fatto un’offerta dell’ultimo minuto durante la notte ad Atene per arrivare ad un accordo entro la mezzanotte di oggi, quando scade il piano di aiuti. Lo riferiscono fonti europee ed elleniche, citate dal quotidiano Kathimerini online. Ma un portavoce ellenico avrebbe già detto che Alexis Tsipras voterà No domenica“.

Oggi 30 giugno scade il termine per il rimborso di 1,7 miliardi al Fondo monetario internazionale che Atene non intende rispettare e a mezzanotte termina anche il programma di aiuti della Troika. Anche la Bce ora considera la Grexit una possibilità reale: “Non può essere esclusa”, secondo il consigliere esecutivo Benoit Coeurè.

Secondo le fonti citate dal giornale, se Tsipras accettasse l’offerta, dovrebbe farlo per iscritto entro oggi, in tempo per convocare un Eurogruppo d’emergenza per approvare l’intesa, e dovrebbe impegnarsi a fare campagna per il Sì nel referendum.

5 x 1000

L’offerta di Juncker prevederebbe in particolare l’Iva al 13% per gli alberghi e le strutture turistiche – tetto previsto nella proposta greca poi respinta dalla ex Troika, che chiedeva il 23%.

Sempre se l’offerta fosse accettata, riferisce il giornale, i ministri delle finanze dell’eurozona potrebbero fare una dichiarazione per la quale un impegno già preso nel 2012, in cui si prendeva in considerazione una dilazione nel pagamento delle scadenze del debito, abbassamento dei tassi di interesse ed estensione di una moratoria sui pagamenti verso la zona euro sarebbe applicato dal prossimo ottobre.  Un portavoce greco ha spiegato che la proposta è stata ascoltata “con interesse. Ma Alexis Tsipras voterà No domenica”.