Hollande e Merkel da Putin con un piano di pace: Ucraina federale ma unita

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 febbraio 2015 17:15 | Ultimo aggiornamento: 6 febbraio 2015 17:15
Hollande e Merkel da Putin con un piano di pace: Ucraina federale ma unita

Hollande e Merkel da Putin con un piano di pace: Ucraina federale ma unita (foto LaPresse)

ROMA – Francoise Hollande e Angela Merkel in missione da Vladimir Putin con un piano di pace per l’Ucraina. Piano che prevederebbe, nella sostanza, una Ucraina federale ma tutta unita. E che, soprattutto, non prevederebbe (e questa è la parte che difficilmente Putin accetterà) nessuna modifica agli attuali confini della repubblica ex sovietica.

La missione dei due è oggettivamente difficile. Al punto che prima di arrivare al vero incontro di oggi sono state tenute una serie di riunioni preliminari di esperti. Tutte finalizzate a stendere un piano con qualche possibilità di essere accettato.

Putin però si è preparato a sua volta e come racconta la Stampa si presenta a Merkel e Hollande con un “contropiano”. Tanto semplice nella sostanza quanto indigeribile per l’Europa. Un piano che prevede il ridisegnare i confini sulla base della situazione de facto, ovvero con una Ucraina decisamente ridimensionata e un’ampia zona autonoma sotto il controllo dei ribelli filorussi, cioè della Russia.

5 x 1000

Più articolata la proposta europea. Il piano prevederebbe come precondizione un cessate il fuoco immediato cui dovrebbe seguire un arretramento delle armi pesanti. Non solo: Europa pensa all’invio di un ‘contingente di pace’ internazionale, una ipotesi è quella dei caschi blu Onu.

Quello che manca, nel piano europeo, sono i nuovi confini. Da quando è iniziataa la guerra civile i filorussi hanno guadagnato il controllo di diverse zone. Ultimo punto dolente: nel piano Ue non ci sarebbe il riconoscimento di una sorta di statuto speciale per il Donbass. Difficile, quasi impossibile, che Putin accetti un piano così. “Dialogo disperato” scrive la Stampa. Resta comunque meglio questo tentativo rispetto alla proposta Usa, decisamente più spiccia nel metodo: armare gli ucraini.