Monti, in Germania critiche bipartisan dopo la sua intervista

Pubblicato il 6 agosto 2012 11:31 | Ultimo aggiornamento: 6 agosto 2012 12:53

Mario Monti (Foto Lapresse)

BERLINO – In Germania l’intervista di Mario Monti al Der Spiegel non è piaciuta a destra né a sinistra. Ai politici tedeschi di tutto l’arco costituzionale non sono piaciute, in particolare, le considerazioni sull’autonomia dai parlamenti nazionali che i governi devono essere in grado di esercitare nelle trattative a Bruxelles. Molto duri gli attacchi dai falchi della coalizione di maggioranza, i liberali dell’Fdp e i bavaresi della Csu, mentre appare più conciliante la posizione della Cdu della cancelliera Angela Merkel.

Addirittura di ”attacco alla democrazia” parla il segretario generale della Csu, Alexander Dobrindt: ”Il signor Monti ha evidentemente bisogno di una chiara presa di posizione. Noi tedeschi non siamo pronti a cancellare la nostra democrazia per finanziare i debiti italiani”, ha detto. Per il capogruppo liberale Rainer Bruederle bisogna ”fare attenzione” che nel necessario processo di riforme ”l’Europa rimanga sufficientemente legittimata dal punto di vista democratico”. Sul portafoglio dei tedeschi punta invece l’euroscettico liberale Frank Schaeffler, secondo cui ”Monti vuole risolvere i suoi problemi facendoli pagare ai contribuenti tedeschi”. Più morbido il parlamentare della Cdu Michael Grosse-Broemer, per cui se pure resta decisiva la capacità d’agire dei governi, ”ciò non giustifica in nessun modo il tentativo di limitare il necessario controllo parlamentare”.

Sul fronte dell’opposizione, nette le parole della socialdemocratica Spd che, sempre a proposito dell’autonomia dei governi dai parlamenti nazionali invocata dal premier italiano, per bocca del vicecapogruppo al Bundestag, Joachim Poss, ha considerato come ”l’accettazione dell’euro e del suo salvataggio viene rafforzato dai parlamenti nazionali e non indebolito”. Evidentemente, ha proseguito Poss intervistato dal Rheinische Post, ”gli anni di Berlusconi hanno indebolito l’immagine del ruolo del Parlamento”.

Né in Germania, né altrove ”il tentativo di costruirsi un profilo per ragioni di politica interna” può diventare misura del proprio agire, perché ”la situazione politica in Europa è troppo seria, c’è troppo in gioco”. Lo ha detto il ministro degli Esteri tedesco, Guido Westerwelle, a proposito dell’intervista di Monti. ”Il tono del dibattito – ha proseguito Westerwelle – è molto pericoloso. Dobbiamo fare attenzione a non danneggiare l’Europa”.

“Rispettiamo pienamente le competenze dei Parlamenti nazionali” nel quadro dei processi decisionali previsti dai Trattati Ue per l’adozione dei provvedimenti finanziari. Lo ha detto oggi il portavoce della Commissione Europea, Olivier Bailly, rispondendo ad una domanda su Monti.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other