Migranti, 22mila via dall’Italia e redistribuiti in Europa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Maggio 2015 17:51 | Ultimo aggiornamento: 22 Maggio 2015 17:52
Migranti, 22mila via dall'Italia e redistribuiti in Europa

Migranti, 22mila via dall’Italia e redistribuiti in Europa

BRUXELLES – Ventiduemila migranti che dall’Italia andrebbero all’estero, in altri Paesi europei chiamati a farsi carico del problema su disposizione della Ue. E’ il numero, messo nero su bianco, dai tecnici di Bruxelles: mercoledì prossimo la Commissione proporrà ai governi dell’Unione di farsi carico della redistribuzione dei migranti, in larga parte ospitati in Italia e in Grecia.

Dall’Italia dovrebbe essere quindi trasferito “grosso modo il 60%” dei richiedenti asilo: la proposta infatti non riguarda i migranti economici e chi non ottiene l’asilo: questi ultimi continueranno a dover essere espulsi.

Nella proposta legislativa ci sarà probabilmente anche “un richiamo per l’Italia ad assolvere ai propri obblighi, in termini di impronte digitali e registrazioni di tutti i migranti che sbarcano”, spiegano le fonti. Resta però lo scoglio di quanti arrivano privi di documenti e si rifiutano di dare le impronte. Per risolvere questo problema, l’ipotesi sul tavolo è quella di ricorrere agli “hotspot”, centri dove far convergere i migranti e dove ci sarà anche la presenza di specialisti di Frontex, dell’Ufficio europeo per l’asilo (Easo) e di Europol, nonchè di presidi sanitari.

Gli “hotspot” sono previsti dall’Agenda sull’immigrazione. L’idea è quella di riuscire a fare una distinzione immediata tra richiedenti protezione internazionale e migranti economici. Quest’ultimi dovrebbero essere “rimpatriati in modo tempestivo”. Tuttavia, viene fatto rilevare, “dove e in quanto tempo questi hotspot saranno creati, è una questione ancora tutta da vedere”.