Migranti, Ungheria chiude anche confine con Croazia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Ottobre 2015 12:53 | Ultimo aggiornamento: 17 Ottobre 2015 12:53
Migranti, Ungheria chiude anche le frontiere con la Croazia

Ansa

BERKASOVO (SERBIA) – Migliaia di migranti si stanno riversando dalla Serbia in Croazia, sperando di raggiungere l’Europa occidentale, nonostante la decisione dell’Ungheria di chiudere il suo confine con la Croazia. Poco dopo la mezzanotte la polizia ungherese ha tirato un recinto di filo spinato su un passaggio sul confine con la Croazia, dove sono passati circa 140mila migranti da metà settembre.

La Croazia ha sottolineato di voler reindirizzare i migranti verso la Slovenia che, a sua volta, ha però sospeso il traffico ferroviario regolare con la Croazia in previsione del flusso. Dopo la chiusura a mezzanotte della frontiera ‘verde’ fra Ungheria e Croazia, il flusso di migranti e profughi in marcia lungo la rotta balcanica e diretti in Europa occidentale comincia a dirigersi verso il confine sloveno.

Come riferiscono i media, un primo autobus carico di migranti è giunto stamane al valico croato-sloveno di Gruskocje. Le autorità di Lubiana, in previsione di un accresciuto flusso di profughi, hanno deciso di sospendere il regolare traffico ferroviario con la Croazia, così che i migranti non possono viaggiare in treno.

L’Ungheria ha fatto passare anche dopo la mezzanotte alcune centinaia di migranti giunti alla frontiera di Botov pochi minuti prima della chiusura con l’ultimo treno proveniente da Tovarnik. A bordo tante famiglie numerose, bambini piccoli, alcuni dei quali in precarie condizioni di salute. Sono regolarmente aperti al traffico automobilistico i valichi ufficiali di frontiera fra Ungheria e Croazia. Un mese fa l’Ungheria aveva sigillato al passaggio dei migranti l’intera frontiera di 175 km con la Serbia, provocando un cambio di itinerario del flusso di profughi.

Secondo quanto dichiarato da esponenti del governo, Budapest con la sua decisione intende contribuire alla difesa dei confine esterni della zona Schengen. Il ministro degli Esteri Peter Szijjarto ha detto che funzionano regolarmente per il traffico automobilistico i valichi di frontiera con la Croazia, anche se con controlli notevolmente rafforzati per contrastare l’immigrazione clandestina. I migranti possono presentare domanda di asilo in Ungheria in due punti istituiti ai valichi di confine con la Croazia, ma visto il clima politico che vive il paese, sono pochissimi finora i profughi che hanno finora chiesto asilo alle autorità ungheresi. 

 

E intanto anche la Polonia ha deciso di rafforzare i controlli al confine con la Romania.