Nomine Ue. D’Alema vede Juncker. “Renzi avvisato”, ma Gozi, “non sapevo nulla”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Luglio 2014 14:33 | Ultimo aggiornamento: 23 Luglio 2014 14:33
Nomine Ue. D'Alema vede Juncker. "Renzi avvisato", ma Gozi, "non sapevo nulla"

Nomine Ue. D’Alema vede Juncker. “Renzi avvisato”, ma Gozi, “non sapevo nulla”

ROMA – Nomine Ue. D’Alema vede Juncker. “Renzi avvisato”, ma Gozi, “non sapevo nulla”. Massimo D’Alema si è incontrato a Bruxelles con Jean Claude Juncker, nell’ufficio del presidente eletto della Commissione Ue nell’edificio Charlemagne, di fronte alla sede dell’esecutivo europeo. L’incontro, a quanto si apprende, è durato una ventina di minuti e si è svolto nell’ambito delle consultazioni di Juncker per le nomine europee. Nei giorni scorsi, peraltro, erano filtrate voci di un  veto da parte di Angela Merkel sul nome dell’ex presidente del Consiglio, liquidato da Der Spiegel come “vecchio comunista”, dopo che un blocco di paesi baltici e dell’Est aveva espresso la contrarietà alla candidata di Renzi, Federica Mogherini.

“Renzi è stato avvertito”. La portavoce di Massimo D’Alema ha confermato con una nota l’incontro tra il presidente della Feps (Fondazione europea per gli studi progressisti) ed il presidente eletto della Commissione europea, Jean-Claude Juncker. “Un colloquio cordiale tra due personalità che si conoscono da molto tempo – è scritto nella nota – per esaminare la situazione e le prospettive delle istituzioni europee. Dell’incontro era stato informato il presidente del Consiglio, Matteo Renzi“.

Gozi conferma Mogherini prima scelta. Di D’Alema non ne sapevo nulla. “Non ne posso dire nulla, perché non ne sapevo nulla”. Così il sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi, risponde ai giornalisti che – a margine della conferenza stampa del Consiglio Affari Generali – chiedono dell’incontro Juncker-D’Alema. E a chi chiede se l’incontro vada letto come il segnale di un piano alternativo dell’Italia per le nomine, Gozi replica: “Non sono a conoscenza di alcun piano B”.

Gozi assicura frattanto che l’Italia conferma la candidatura di Federica Mogherini come Alto Rappresentante per la politica estera europea: “Ha tutte le qualità per essere un ottimo Alto rappresentante”.