Polonia, Lech Walesa: “Deputati gay siedano fuori dal parlamento”

Pubblicato il 2 Marzo 2013 1:00 | Ultimo aggiornamento: 2 Marzo 2013 1:03
Lech Walesa

Lech Walesa

VARSAVIA, 2 MAR – Dura presa di posizione anti-gay dell’ex presidente polacco e premio Nobel per la Pace, Lech Walesa. Rispondendo a una domanda provocatoria di un giornalista di una catena privata della tv Tvn, che gli chiedeva se i deputati gay dovessero occupare i banchi vicini al muro, nell’ultima fila degli scranni, Lech Walesa, noto per il suo cattolicesimo fervente, ha risposto: ”Sì, vicino al muro oppure dietro”.

Nella società ”in tutti i contesti, si suddivide in maniera proporzionale a seconda della rappresentatività”’, ha affermato il leader storico di Solidarnosc, primo sindacato libero del mondo comunista. ”Noi rispettiamo la maggioranza, e la democrazia. E’ la maggioranza che ha costruito la democrazia che appartiene alla maggioranza. E tutto quello che abbiamo non è altro che una minoranza che cammina sulla testa della maggioranza”, ha aggiunto.

”Non voglio che questa minoranza, con la quale non sono d’accordo, ma che tollero e capisco, possa manifestare per strada, facendo voltare la testa ai miei figli – ha aggiunto -. Io sono della vecchia scuola e non penso di cambiare”. Walesa si è detto certo di ”comprendere che ci sono persone diverse, con diversi orientamenti e che hanno diritto alla loro identità”, ma si è augurato che ”non cambino l’ordine stabilito da secoli”.

Nel Parlamento di Varsavia siedono attualmente un deputato dichiaratamente omosessuale e una transessuale. Lo scorso gennaio la Camera bassa ha respinto tre progetti di legge che miravano ad introdurre l’unione civile tra persone dello stesso sesso.