Proteste Grecia. Il presidente della Repubblica costretto ad abbandonare manifestazione

Pubblicato il 28 ottobre 2011 15:27 | Ultimo aggiornamento: 28 ottobre 2011 15:29

ATENE, 28 OTT – Per la prima volta nella storia della Grecia moderna, un presidente della Repubblica e' stato costretto ad abbandonare le manifestazioni per l'anniversario dell'entrata del Paese nel secondo conflitto mondiale nel 1940. Stamani il capo dello Stato, Karolos Papoulias, ha dovuto abbandonare il palco da dove avrebbe dovuto seguire la tradizionale parata militare a Salonicco perche' e' stata annullata a causa delle proteste inscenate da centinaia di manifestanti contro le misure di austerity varate dal governo del premier Giorgio Papandreou.

''Mi dispiace molto – ha detto il Presidente della Repubblica – perche' io sono venuto per onorare la citta' di Salonicco e qualcuno non voleva che la parata si svolgesse. Io ho lottato da quando avevo 15 anni per la Patria e non possono darmi del traditore''.

In un clima di alta tensione anche ad Atene si e' svolta la tradizionale parata degli studenti. Molti dei partecipanti alla sfilata, in segno di protesta, passando davanti al palco delle autorita' hanno girato la testa dalla parte opposta per non salutare il ministro della Pubblica Istruzione Anna Diamantopoulou che si trovava li' in rappresentanza del governo.

Molti di essi portavano sul braccio fasce nere in segno di lutto per le misure di austerity. Da parte loro le autorita' hanno abbandonato in fretta Piazza Syntagma dove, alla fine della parata, si sono verificati scontri fra dimostranti e polizia.