Quote latte, il ministro Martina: “Per colpa della Lega rischiamo altra multa”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Febbraio 2015 13:28 | Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio 2015 13:29
Quote latte, il ministro Martina: "Per colpa della Lega rischiamo un'altra multa"

Quote latte, il ministro Martina: “Per colpa della Lega rischiamo un’altra multa”

BRUXELLES – Quote latte, l’Italia dovrà risponderne alla Corte di Giustizia europea, per decisione della Commissione Europea, e rischia quindi un’altra pesante multa in materia. “Per colpa della Lega”, dice il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina.

Giovedì la Commissione europea ha deciso di deferire l’Italia alla Corte di giustizia per il mancato recupero di 1,75 miliardi di prelievi dai produttori per l’eccesso di produzione rispetto alle quote latte tra il 1995 ed il 2009. Gli allevatori dei Paesi europei possono produrre e vendere latte entro certe quote, per l’eccedenza è previsto un prelievo finanziario: questa regola vale fino all’1 aprile 2015. Ma per anni la Lega ha fatto una campagna perchè gli allevatori non pagassero. E infatti molti non hanno pagato e ora l’Italia rischia di pagare 1,7 miliardi di multa, oltre ai 4,5 già pagati. Una nota della Commissione europea dice:

 Ogni anno, dal 1995 al 2009, l’Italia ha superato la quota nazionale e lo Stato italiano ha versato alla Commissione gli importi del prelievo supplementare dovuti per il periodo in questione (2,305 miliardi di euro).

Tuttavia – prosegue la nota – nonostante le ripetute richieste della Commissione, risulta evidente che le autorità italiane non hanno preso le misure opportune per recuperare il prelievo dovuto dai singoli produttori e caseifici. Ciò compromette il regime delle quote e crea distorsioni della concorrenza nei confronti dei produttori che hanno rispettato le quote e di quelli che hanno preso provvedimenti per pagare gli importi individuali del prelievo supplementare. Come sottolineato dalla Corte dei conti italiana, questa situazione è iniqua anche nei confronti dei contribuenti italiani. La Commissione Ue stima che, sull’importo complessivo di 2,305 miliardi di euro, circa 1,752 miliardi non siano ancora stati recuperati. Parte di questo importo sembra considerato perso o rientra in un piano a tappe di 14 anni, ma la Commissione stima che siano tuttora dovute sanzioni per un importo pari a 1,343 miliardi di euro.

Nell’ambito delle procedure di infrazione dell’UE, il deferimento alla Corte di giustizia costituisce la terza e ultima fase della procedura. La Commissione ha inviato all’Italia una lettera di costituzione in mora su questo caso nel giugno 2013 e un parere motivato nel luglio 2014. Dato che l’Italia non ha mostrato alcun progresso significativo nel recupero, il caso è ora deferito.

Come dire, fino a oggi non vi siete mossi: ora pagate. Il ministro Martina, nel governo da un anno, punta il dito contro la Leg e a Giuliano Balestreri di Repubblica dice:

“Salvini dovrebbe mettersi una bella felpa con scritto ‘scusate’. Scusate a tutti gli italiani per le prese in giro della Lega Nord: hanno pontificato per anni e questo è il risultato. Un settore in sofferenze dove i furbi spalleggiati dalla Lega hanno messo i difficoltà gli onesti. Ci risiamo, ci tocca gestire questa nuova grana, mentre il segretario della Lega pontifica sull’agricoltura che lui, a differenza di altri proteggerebbe. Farebbe meglio a chiedere scusa, e in fretta”.

“Loro sulla storia delle quote latte hanno sempre speculato, hanno costruito anni di campagne elettorale sulle bugie che sono già costate agli italiani 4,5 miliardi di euro, 75 euro per ogni cittadino. E ora rischiamo di pagare ancora solo perché nessuno, prima di noi ha voluto gestire e risolvere il problema preferendo marciarci sopra. Dovrebbero chiedere scusa perché questa è la tassa padana, la tasse leghista”.