Romania, Ponta a processo per riciclaggio di denaro e falso

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Settembre 2015 15:31 | Ultimo aggiornamento: 17 Settembre 2015 15:37
Romania, Ponta a processo: prima volta per un premier

Victor Ponta

BUCAREST – Un premier a processo. In Romania è la prima volta che succede. Il primato se lo aggiudica Victor Ponta, che è stato incriminato per falso e riciclaggio di denaro per le attività illegali svolte in veste di avvocato negli anni tra il 2007 e il 2011.

Gli inquirenti indagano sull’attività svolta da Ponta quando difendeva Dan Sova, che nel suo governo ha poi rivestito l’incarico di ministro dei Trasporti e con cui Ponta sarebbe colluso. Ponta è accusato di aver ricevuto da Sova l’equivalente di 55mila euro, che gli furono dati nel 2011 in diverse tranche mensili. Per giustificarle Ponta avrebbe stilato 17 fatture attestanti falsamente di aver lavorato nello staff legale di Sova, a sua volta deferito per concorso in abuso di potere, falso, evasione fiscale e riciclaggio.

Il fatto poi che Ponta, una volta premier, abbia più volte nominato Sova ministro ha sollevato il sospetto dell’esistenza di un conflitto di interessi del capo del governo nell’esercizio delle sue funzioni. Ma su questo filone d’indagine la Procura anti-corruzione è stata arginata dalla maggioranza di centrosinistra che ha protetto Ponta rifiutandosi di togliergli l’immunità parlamentare.