Sarkozy insulta un giornalista: “Lei è un pedofilo”

Pubblicato il 23 Novembre 2010 0:16 | Ultimo aggiornamento: 23 Novembre 2010 0:17

Scenata del presidente francese, Nicolas Sarkozy, lo scorso venerdì sera durante un incontro informale al vertice Nato di Lisbona, riportato dal sito del settimanale L’Express. In margine al vertice, Sarkozy si è intrattenuto con alcuni giornalisti, che lo hanno in breve trascinato sulla vicenda che domina le cronache politiche francesi, il caso delle tangenti di Karachi. Il presidente ha sottolineato che alcuni giornali lo avevano presentato, a torto, come ”il tesoriere” del candidato Edouard Balladur alle presidenziali del 1995: ”Dite stupidaggini, non verificate niente”, ha protestato Sarkozy con gli inviati.

Subito dopo, uno dei giornalisti gli ha chiesto quale fosse il suo ruolo preciso all’epoca (era ministro del Bilancio, poi portavoce dei Balladur), dopo che l’allora ministro della Difesa, Charles Millon, ha parlato delle ”retrocommissioni” che arrivavano dal Pakistan a pioggia sugli uomini politici francesi per gli appalti. Sarkozy avrebbe, a quel punto, reagito male: ”Lei è un pedofilo – ha detto il presidente infuriato, ovviamente per denunciare chi parla senza prove – ne ho l’intima convinzione, ho visto i servizi segreti ma non le dirò quali, ho visto qualcuno ma non le dirò chi, ed è stato solo uno scambio verbale. Ma ne ho l’intima convinzione, lei è un pedofilo”.

La conversazione, visto che Sarkozy aveva un microfono in mano, è stata registrata dal circuito interno del vertice e subito dopo l’Eliseo – sempre stando a L’Express – avrebbe insistito con energia affinchè i nastri fossero cancellati, dal momento che si trattava di una conversazione ”off”.