Scudo anti-spread, l’Olanda si rimangia il veto: “Reticenti sì, contrari no”

Pubblicato il 4 Luglio 2012 18:04 | Ultimo aggiornamento: 4 Luglio 2012 18:05

BRUXELLES – Non gli piace, si autodefinisce "reticente" ma non metterà nessun veto allo scudo anti spread. Mentre Mario Monti e Angela Merkel si incontrano a Roma l'Olanda annuncia il suo mezzo passo indietro sullo scudo anti-spread e per bocca del ministro delle finanze Jan Kees de Jager spiega: "L Olanda non si oppone in tutti i casi'' all'acquisto di titoli di bond sul mercato secondario da parte del fondo salva Stati Esm in funzione 'anti-spread'.
De Jager privilegia un approccio pragmatico. ''Bisogna guardare all'efficacia delle misure'', ha detto il ministro, secondo il quale bisogna esaminare il nuovo strumento previsto dall'accordo ''in modo critico''.
La Finlandia, altro paese che aveva annunciato il veto, a questo punto resta sola. Per convincerla a cambiare idea c'è tempo fino al 9 luglio, giorno in cui è in programma l'Eurogruppo.