Sondaggio: 52% inglesi per via da Europa. E’ la prima volta

Pubblicato il 24 Novembre 2015 12:29 | Ultimo aggiornamento: 24 Novembre 2015 12:30
Sondaggio. "Addio Europa": prima volta maggioranza inglese

Sondaggio. “Addio Europa”: prima volta maggioranza inglese

LONDRA – Per la prima volta in un sondaggio, la maggioranza dei cittadini della Gran Bretagna ha manifestato l’intenzione di uscire dall’Unione europea (il linguaggio giornalistico abbrevia l’eventuale defezione britannica con la parola “Brexit”). L’ultimo rilevamento del quotidiano Independent (li fa con cadenza bimestrale), coincidente con gli attentati di Parigi, attesta i “no Europe” al 52%, contro il 48% di chi vuol restarle agganciato.

I sondaggi di luglio e di settembre davano gli euro-scettici in crescita ma sempre in svantaggio: nel primo caso non oltre il 45%, nel secondo il 47%. La disaffezione è di natura politica, non solo di sovranità monetaria visto che, come noto, la sterlina non è mai stata messa in discussione. Entro il 2017, come promesso in campagna elettorale, il premier David Cameron dovrà indire un referendum su Brexit.

Anche se, nelle ultime settimane il premier ha avvisato il paese che “fuori dalla Ue” per la Gran Bretagna “non c’è la terra del latte e miele”, ma costi che potrebbero incidere per “milioni di sterline” sull’economia del regno.

I propugnatori dell’uscita unilaterale hanno fatto altri conti: vantaggi e svantaggi sono stati già calcolati, restare per conto proprio non porterebbe a clamorose retrocessioni nel rating dell’economia britannica. E’ convinzione degli analisti che, scontata una flessione fisiologica della crescita, nuovi accordi negoziati con l’Europa, a quel punto un soggetto esterno e mero partner commerciale, scongiurerebbero velocemente le inevitabili turbolenze finanziarie iniziali.