Stipendio massimo, 12 volte il minimo, mai di più

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Novembre 2013 12:21 | Ultimo aggiornamento: 21 Novembre 2013 12:23
Stipendio massimo, 12 volte il minimo, mai di più

Franchi svizzeri

BERNA – Nessun dirigente prenderà uno stipendio superiore a dodici volte la paga di un operaio o di un impiegato. Ovviamente non succederà in Italia, ma in Svizzera, se il referendum del 24 novembre verrà approvato. Eppure questa proporzione “aurea” era stata un’idea di un italiano, l’imprenditore illuminato Adriano Olivetti (che però parlava di rapporto 1:10). Un po’ come se in Italia, nota Alessandro Madron sul Fatto Quotidiano, Luca Cordero di MontezemoloMarco Tronchetti Provera o Sergio Marchionne per legge non potessero guadagnare più di 240 mila euro l’anno, benefit compresi.

Nella confederazione elvetica l’idea di un tetto alle retribuzioni dei manager è stata lanciata dai giovani socialisti di Juso, e il 24 novembre prossimo i cittadini svizzeri diranno la loro ad un referendum. E l’esito del voto non è scontato, secondo gli ultimi sondaggi. Non dev’essere raggiunto un quorum, ma è richiesta un doppia maggioranza, di votanti e di cantoni.

 

Questa novità si aggiunge ad un’altra iniziativa analoga, approvata in marzo, che prevede che siano gli azionisti delle 300 società quotate in Borsa a stabilire gli stipendi dei manager e dei consiglieri di amministrazione, che così non potranno più assegnarsi gli stipendi a proprio piacimento.

Attualmente il rapport tra gli stipendi di manager e dipendenti è di 1:266 in Novartis, 1:215 in Nestlé, 1:213 a La Roche. Nel 1948 il rapporto medio era di 1 a 6, nel 2011 è passata ad 1 a 43.