Treni in Europa: biglietti nominativi e controllo bagagli

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Agosto 2015 19:58 | Ultimo aggiornamento: 29 Agosto 2015 19:58
Treni in Europa: biglietti nominativi e controllo bagagli

(Foto d’archivio)

PARIGI – Biglietti ferroviari nominativi e controllo dei bagagli sui treni ad alta velocità in Europa: sono alcune delle misure anti-terrorismo decise dai ministri di nove Paesi europei dopo l’attentato sul Tgv Thalys Amsterdam-Parigi. 

“E’ indispensabile” condurre “operazioni di controllo simultanee e coordinate su tratte mirate”, ha spiegato il ministro degli Interni francese, Bernard Cazeneuve. 

I ministri hanno deciso di intensificare “l’uso di pattuglie miste” sui treni transfrontalieri, che già esistono e hanno dimostrato “la loro efficacia” e di intensificare “i controlli sulle persone e sui bagagli” nelle stazioni ferroviarie. 

“Ci sarà scambio di informazioni e più controlli. Ma non rinunciamo al criterio di Schengen della libera circolazione delle persone, perché è un fatto di civiltà e il terrorismo da questo punto di vista non ci piega”, ha precisato il ministro italiano dei Trasporti, Graziano Delrio, al termine della riunione sulla sicurezza ferroviaria a Parigi.

 

Alla lotta al terrorismo sui trasporti si aggiungerà un maggior controllo di Internet, “attraverso il coinvolgimento e la partecipazione diretta dei grandi operatori internazionali”, ha spiegato il viceministro dell’Interno, Filippo Bubbico, anche lui a Parigi.

Tali operatori “offrono indicazioni per l’identificazione dei soggetti che promuovono attività di reclutamento o addestrano al radicalismo violento. Il terrorismo dobbiamo combatterlo nell’immediato ma anche puntando al medio-lungo periodo, sconfiggendo la radicalizzazione violenta e agendo sulla coesione sociale, la tolleranza, la cultura, la consapevolezza”.