Ucraina/ Il Paese è in crisi. Tra Yuschenko e Yanukovych il prossimo presidente potrebbe essere il giovane Yatseniuk

Pubblicato il 22 Luglio 2009 1:44 | Ultimo aggiornamento: 22 Luglio 2009 1:44

L’entusiasmo della Rivoluzione Arancione del 2004 sembrava essersi spento. Ma in Ucraina c’è un nuovo volto che potrebbe tornare a infiammare gli animi degli elettori, almeno stando ai sondaggi. Si tratta di Arseniy Yatsenyuk, già ministro degli Esteri e ora considerato da molti analisti politici l’uomo giusto per riconciliare le due anime dello Stato ex sovietico.

La frattura tra i filoccidentali che appoggiarono l’ascesa al potere dell’attuale presidente Yuschenko e i nostalgici dell’Unione Sovietica che invece sostennero Yanukovych potrebbe ora ricomporsi. Anche l’Unione europea e gli Stati Uniti lo pensano, considerando pure il fatto che l’Ucraina è uno dei Paesi europei che maggiormente sta patendo la recessione globale. Il ruolo del giovane Yatsenyuk sarà strategico anche in chiave internazionale. Considerando che l’amministrazione Obama non vuole affatto tagliare i ponti con Mosca, e che questo potrebbe irritare non poco il governo di Yuschenko, il vicepresidente Joe Biden incontrerà proprio il giovane politico nel suo viaggio a Kiev.

Perché tra una maggioranza litigiosa e un’opposizione che non ha un programma per uscire dalla crisi, il Paese, che nel primo quadrimestre del 2009 ha visto contrarsi la produzione di oltre il 20%, è in cerca di nuovi leader.