Ue/ L’Islanda guarda all’Europa. Presto l’Unione potrebbe avere 28 membri: soddisfazione da Bruxelles

Pubblicato il 16 Luglio 2009 20:37 | Ultimo aggiornamento: 16 Luglio 2009 20:41

Presto l’Unione europea sarà formata da 28 membri. Il parlamento islandese ha infatti dato mandato al governo di negoziare con l’Unione europea l’adesione dell’isola.

Come prevedeva il primo ministro Johanna Sigurdardottir, la vittoria è stata di misura: 33 membri a favore e 28 contro. Il voto è seguito a cinque giornate di ampio dibattito, la coalizione di governo è apparsa divisa su questo punto.

Il partito social democratico è favorevole a legami più stretti con l’Ue e all’adozione della moneta unica, ma i critici temono che ci possano essere ripercussioni nella fertile industria della pesca, che si troverebbe ad essere costretta a rispettare le quote UE.

In caso di esito favorevole da parte dell’Unione Europea, la decisione dovrà essere vagliata dal popolo islandese attraverso un referendum. Gli oppositori avevano manifestato a Reykjavik davanti al parlamento, mostrando cartelli con la scritta “Ue: No grazie”.

L’Islanda, con una popolazione di sole 320mila persone, era tradizionalmente euro scettica, ma ora molti degli abitanti dell’isola, ora appoggiano l’idea di diventare membri dell’Unione Europea dopo il collasso delle principali banche islandesi nel giro di pochi giorni, collasso avvenuto lo scorso anno a causa della crisi economica mondiale.

La commissione europea si è detta soddisfatta. L’Islanda fa già parte dello Spazio economico europeo (Sse) e condivide i principi base su cui è fondata l’Unione, quindi la procedura di approvazione non sarebbe particolarmente lunga e laboriosa.