Ursula von der Leyen: “Non leggevo. A Londra notti brave e… concerti punk”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Gennaio 2020 21:05 | Ultimo aggiornamento: 10 Gennaio 2020 21:05
Ursula von der Leyen, Ansa

Ursula von der Leyen (foto d’archivio Ansa)

ROMA – La presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen ha parlato dei sui suoi anni da studentessa universitaria a Londra.

La ventenne studentessa tedesca arrivata dalla provincia profonda della Bassa Sassonia, dove aveva frequentato l’ Università di Gottinga, a Londra si è divertita parecchio: “Passavo più tempo nei bar di Soho e nei negozi di dischi di Camden Town che nella biblioteca della London School of Economics a leggere”.

“In quegli anni – ha detto – mi sono innamorata di Londra, dell’ intera Gran Bretagna e della loro società accogliente, aperta, vibrante, colorata e multiculturale. Per me che venivo da una Germania monotona e incolore fu affascinante”. 

Fonte: Il Corriere della Sera.

Capitolo Brexit.

In queste ore la presidente della Commissione europea ha anche parlato della Brexit:

 “Il Regno Unito deve decidere quanto vuole restare vicino all’Ue e al suo mercato unico. E’ chiaro che se non c’è libero movimento delle persone, non ci può essere libero movimento di capitali“. Londra “deve decidere quanto vuole essere vicino alla Ue e alle sue regole”. CAndrej Plenkovic a Zagabria per l’inaugurazione della presidenza semestrale croata dell’Ue.

“Se il processo di ratifica sarà completato dal Regno Unito, il voto” del Parlamento Ue “per l’approvazione dell’accordo” sulla Brexit “sarà inserito nell’agenda nella seconda plenaria di gennaio, il 29 gennaio“, ha poi riferito a Bruxelles una portavoce dell’Eurocamera, Delphine Colard. “Il voto – ha aggiunto – è previsto per le 18”. 

Fonte: Ansa.