«Berlusconi ci dica perché Ruscigno è liquidatore del gruppo Burani». I senatori Pd Zanda e Agostini presentano un’interrogazione

Pubblicato il 14 maggio 2010 11:01 | Ultimo aggiornamento: 14 maggio 2010 11:04

«Il Ministro dello sviluppo economico Silvio Berlusconi porti a conoscenza del Parlamento l’elenco di tutti i commissari attualmente titolari delle procedure di amministrazione straordinaria e gli emolumenti ad essi riconosciuti». Lo chiedono i senatori del Pd Mauro Agostini e Luigi Zanda dopo che nei giorni scorsi sono apparse sulla stampa notizie relative a Francesco Ruscigno, responsabile della gestione della procedura di Amministrazione Straordinaria della società Mariella Burani.

Zanda e Agostini chiedono infatti al governo di sapere «quali sono le motivazioni che hanno indotto il Ministro dello Sviluppo economico alla nomina di Ruscigno». Ricordano infatti che «il Commissario straordinario indicato dal Ministero dello Sviluppo economico al tribunale di Reggio Emilia risulta ricoprire il delicato ruolo di commissario liquidatore/giudiziale o curatore in circa 40 aziende dissestate in varie parti del Paese. Lo stesso – si legge nell’interrogazione presentata dai due parlamentari – risulta membro di una decina di collegi sindacali, alcuni dei quali presieduti, di importanti gruppi imprenditoriali ed è presidente o consigliere in un’altra decina di società».

«Il compito affidato a Francesco Ruscigno – prosegue l’interrogazione – è assai delicato in relazione alla complessa articolazione industriale e societaria del gruppo, all’elevato numero di dipendenti e di imprese collegate, all’alto indebitamento e richiede particolare dedizione”. I due senatori chiedono dunque al Presidente del Consiglio e Ministro dello Sviluppo economico Berlusconi “se non ritenga che i numerosi incarichi già ricoperti da Francesco Ruscigno impediscano allo stesso un’efficiente gestione della procedura di Amministrazione Straordinaria relativa alla società Mariella Burani Fashion Group».