facebook

Nazionale, Cavallotto (Lega Nord): “No agli oriundi”

Il deputato della Lega Nord Davide Cavallotto critica l’impiego degli oriundi in Nazionale, all’indomani delle prime convocazioni di Cesare Prandelli, che ha inserito nella rosa l’italo-brasiliano Amauri. ”Evidentemente non è bastata la figuraccia rimediata all’ultimo Mondiale per dare una vera svolta al movimento calcistico italiano – ha detto Cavallotto in una nota -. Prima erano quattro vecchietti, adesso a ridicolizzare la Nazionale ci penseranno gli oriundi”.

”Cosa aspetta la Federazione a creare i presupposti per portare alla ribalta giovani talenti nostrani, come è stato per bandiere del calibro di Francesco Totti e Roberto Baggio ai loro tempi? – prosegue l’esponente leghista – Calciatori e uomini che passeranno alla storia come paladini dei loro popoli che hanno reso grandi le proprie città. Altro che qualche scarto straniero, che mai si sentirà rappresentante dei nostri territori”.

To Top