Le hostess per Gheddafi, la finiana Perina: “L’Italia è il paese più maschilista della Ue”

Pubblicato il 30 Agosto 2010 21:18 | Ultimo aggiornamento: 30 Agosto 2010 21:28

Flavia Perina

”La passerella delle hostess di Gheddafi conferma che l’Italia è diventata il Paese più maschilista d’Europa forse l’unico in cui le ragazze non sono più capaci nemmeno di riconoscere l’oltraggio alla loro dignità, l’offesa ai loro diritti di persone, la riproposizione dello stereotipo della subalternità femminile, persino quando gli vengono sbattute in faccia da un circo cialtronesco come quello di Gheddafi”.

Lo scrive Flavia Perina, direttore del Secolo d’Italia, sul Post, il giornale online di Luca Sofri, riferendosi alle ”ragazze che per 80 euro al giorno lordi hanno fatto le veline di Gheddafi”. ”Ammetto di essere una moralista – aggiunge l’esponente finiana – ma sono sicura che se qualcuno avesse proposto a una qualsiasi ragazza della mia generazione – di destra, di sinistra, di centro, apolitica, anarchica, cattolica, musulmana, atea, sposata, nubile, laureata o analfabeta – di guadagnarsi la giornata facendo la corte a un dittatore, avrebbe fatto fatica a trovarne venti. E su venti, 18 avrebbero chiesto l’anonimato ai giornalisti non perché impegnate da un contratto (‘Altrimenti non ci pagano’) ma perché si sarebbero vergognate come ladre”.