Angelo Ciocca (Lega Nord): “Governo con M5s? Sì, ma solo con nostre regole”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 marzo 2018 6:45 | Ultimo aggiornamento: 20 marzo 2018 2:22
Angelo Ciocca, europarlamentare della Lega Nord su alleanza M5s

Angelo Ciocca (Lega Nord): “Governo con M5s? Sì, ma solo con nostre regole”

ROMA – Un governo Lega Nord-M5s è possibile per l’europarlamentare leghista Angelo Ciocca, ma solo ad una condizione: che il Movimento 5 stelle permetta alla Lega di attuare il suo programma elettorale.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela.

Ciocca, europarlamentare della Lega, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano – Dentro la notizia”, condotta da Gianluca Fabi e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano. Sull’ipotesi di alleanza Lega-M5S, detto:

“Noi abbiamo chiesto la fiducia dei cittadini per curare questo Paese e quindi siamo disposti ad arrivare fino in fondo –ha affermato Ciocca-. Siamo disposti ad una condizione: l’attuazione del nostro programma. Se qualcuno dà la possibilità concreta alla Lega di attuare questi 10 punti noi siamo pronti a governare questo Paese, purché ci sia una verifica semestrale. Non siamo disposti a tirar tardi, a fare l’arredamento all’interno del Parlamento. In quel caso noi saremo all’opposizione in attesa di tornare al voto”.

Scontro con Forza Italia?

“Forza Italia deve leggere il consenso che la Lega ha raccolto, salvando il centrodestra –ha dichiarato Ciocca-. Senza la Lega oggi non parleremmo nemmeno di un centrodestra. FI qualche riflessione deve farla, anche in merito alle posizioni che hanno sull’Europa. FI deve capire che la Lega non è una forza politica populista, bensì una forza politica realista. La forza della Lega è essere riuscita a capire quali sono le necessità dei cittadini”.

Durante un dibattito a Strasburgo con la Commissione europea, Ciocca si è presentato in aula con in mano una caraffa d’acqua, su cui aveva disegnato una famiglia, “annegata” dalla tassazione:

“Solo una flat tax al 15% può ridare ossigeno al progetto delle famiglie. Al problema della tassazione italiana si potrebbe aggiungere anche quella della tassazione europea, dato che la maggior parte dei parlamentari europei proponevano una tassa aggiuntiva europea per far quadrare i conti dopo la Brexit. La presidente dell’aula si è congratulata con me per la spiegazione che ho dato con la metafora della caraffa d’acqua. Adesso è cambiata l’aria, anche noi della Lega veniamo visti in maniera differente in Europa”.

 

Flat tax favore ai ricchi? “Molti imprenditori scappano dal Paese per l’eccessiva pressione fiscale –ha affermato Ciocca-. Noi dobbiamo riportare le produzioni e la ricchezza in Italia, solo così possiamo riportare i posti di lavoro. Conviene di più mettere una tassa al 60% e vedere un’azienda chiudere o conviene ridurre la pressione fiscale per dare la possibilità all’imprenditore di fare impresa?”