Adro, il sindaco contro tutti: “Se togliete i simboli leghisti vi denuncio e li rimetto”

Pubblicato il 12 Ottobre 2010 10:20 | Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre 2010 10:34

Simboli leghisti ad Adro

“Se togliete i simboli leghisti dalla scuola di Adro vi denuncio tutti e li rimetto”. Il sindaco di Adro, Oscar Lancini è pronto anche a una battaglia legale pur di vedere spiccare i soli delle Alpi su quella scuola che tante polemiche sta sollevando.

Il preside della scuola di Adro, Gianluigi Cadei, ha annunciato lunedì di voler togliere tutti i simboli leghisti dall’istituto e di tornare ad intitolarlo ai fratelli Dandolo, eroi del Risorgimento. Ma il sindaco leghista Lancini (che quei simboli li aveva messi) non ci sta e dice: se saranno tolti i soli delle Alpi io faccio partire una denuncia e li rimetto al loro posto.

”Non mi è ancora stato comunicato nulla – dice Ho appreso tutto dai giornali. Ma se i simboli vengono rimossi dalla scuola, parte prima la denuncia e poi procedo al ripristino immediato”. Il sindaco ha inoltre aggiunto: ”La volontà dell’ amministrazione comunale deve essere rispettata”.

Ma il dirigente della scuola di Adro non è l’unico “non leghista” a volersi opporre alla decisione del sindaco del Carroccio.

I Cobas scuola avevano annunciato che Adro sarebbe stata una delle sedi della manifestazione del 15 ottobre. Inoltre, nello scorso fine settimana, due dei soli delle Alpi affissi su una vetrata dell’istituto e collocati tra i bambini stilizzati, sono stati rimossi da sconosciuti facendo scattare anche l’allarme della scuola. Il consiglio d’istituto, inoltre,  ha ribadito la determinazione delle scorse settimane con la contrarietà alla presenza dei simboli a scuola ed ha dato “la profonda solidarietà”  al dirigente che ha dovuto prendere “una determinazione ovviamente non facile le cui conseguenze in questo momento sono difficilmente delineabili”.