Alessandra Locatelli, la neoministra della Famiglia no musulmani e clochard. E con Mattarella…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 luglio 2019 13:48 | Ultimo aggiornamento: 10 luglio 2019 18:09
Alessandra Locatelli, la neoministra della Famiglia no musulmani e clochard. E con Mattarella...

Alessandra Locatelli, la neoministra della Famiglia no musulmani e clochard. E con Mattarella…

ROMA – Matteo Salvini ha scelto una ex direttrice ed educatrice di comunità come nuovo ministro della Famiglia e disabilità. Legata al segretario leghista anche da un rapporto di amicizia personale, Alessandra Locatelli, la 42enne comasca che prenderà il posto di Lorenzo Fontana, passato agli Affari europei, è una leghista doc, militante del Carroccio dal 1993.

Si è distinta per alcune prese di posizione controverse, come il no alla concessione di spazi religiosi ai musulmani durante il Ramadan (“Niente spazi a chi non si adegua ai nostri principi”), o le ordinanze anti clochard. L’anno scorso ha sottoscritto e condiviso su Facebook la proposta del segretario lombardo del partito Paolo Grimoldi per chiedere la rimozione dagli uffici pubblici della foto di Mattarella. 

Al partito di via Bellerio, Locatelli si è avvicinata fin dai tempi di Gianfranco Miglio, ideologo, prima della lite con Umberto Bossi, e ‘anima’ del partito nel Comasco, suo territorio di origine e di residenza. Nella Lega di Bossi, passata poi a Roberto Maroni e Matteo Salvini, la nuova ministra ha percorso tutti i gradini tradizionali: ha militato nei Giovani, diventando poi segretaria cittadina nel 2016, dopo il periodo di commissariamento guidato da Eugenio Zoffili.

5 x 1000

Prima di diventare assessore alla Politiche sociali e vice sindaco di Como nel 2017, incarico che tuttora ricopre, ha avuto esperienze professionali nel sociale: è stata prima educatrice e poi responsabile di una comunità per disabili Anffas Onlus, a Como. Il 4 marzo 2018 l’elezione alla Camera dei deputati. (fonte Agi)