YOUTUBE Alessandro Di Battista (M5s): “Gli italiani? Li vedo molto rincoglioniti”

di redazione Blitz
Pubblicato il 7 febbraio 2018 9:02 | Ultimo aggiornamento: 7 febbraio 2018 12:58
Alessandro Di Battista: "Gli italiani? Li vedo molto rincoglioniti"

Alessandro Di Battista (Foto Ansa)

ROMA – “Gli italiani? Li vedo molto, molto rincoglioniti”: a dirlo è Alessandro Di Battista in un video postato sulla sua pagina Facebook e girato mentre incontra gli operai della Embraco di Riva di Chieri (Torino): “Qui ci sono 500 persone che stanno per perdere il posto a causa della delocalizzazione”, scrive il deputato M5s. “Sono in diretta, faranno polemica, ma è la verità: gli italiani sono un popolo strano…”, aggiunge.

“Ciao a tutti, siamo a Savigliano, in mezzo alla campagna e sta nevicando abbastanza. Questa sera faremo il comizio alle 19 a Chieri, in provincia di Torino, e il nostro tour è del tutto autofinanziato”: con queste parole inizia il video di Di Battista, che spiega: “Come sapete il MoVimento 5 Stelle ha rifiutato 42 milioni di euro di rimborsi elettorali, ma riusciamo grazie al sostegno di migliaia di attivisti, appunto, a finanziare tutta le nostre attività politiche e anche il tour in camper per tutta Italia. Questo aggeggio è il nostro totem ed è possibile fare una donazione regolare praticamente in tutta Italia”.

Tornando sulla vicenda Embraco, Di Battista ha puntato il dito contro i sindacati: “I vertici dei sindacati hanno le stesse responsabilità della politica. Per me anche lì c’è conflitto di interessi; io non so quello che farà la Camusso, ma ho qualche sospetto. Gli ultimi due prima di lei, Epifani e Cofferati, poi sono finiti in politica. Un sindacalista deve fare il sindacalista, non il politico”, ha aggiunto l’esponente M5s.

A Di Battista ha replicato a stretto giro il ministro per lo Sviluppo economico, Carlo Calenda: “Gli italiani non sono rincoglioniti e detestano i politici che considerandoli tali vanno a fare passerelle elettorali nelle aziende in crisi. Invito Di Battista ad evitare di tenere gli stessi comportamenti di Salvini. Lo accolgo volentieri al Mise quando vuole per spiegargli la situazione di una crisi aziendale complessa e difficile come Embraco non si risolve con proclami, slogan e passerelle”, ha detto Calenda, in riferimento alle affermazioni di Alessandro Di Battista davanti ai cancelli di Embraco.

Anche dal segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, sono arrivate parole di critica: “Io penso che un politico debba saper ascoltare e quindi non attribuire intenzioni che non ci sono. Al di là di questo mi pare evidente che quando non hanno proposte da fare e si trovano di fronte in particolare a dei lavoratori che aspettano risposte attaccano tutti e non danno soluzioni”.