Alessandro Sallusti, La Grande Bellezza e “l’Oscar di Berlusconi”

di redazione Blitz
Pubblicato il 4 marzo 2014 8:55 | Ultimo aggiornamento: 4 marzo 2014 8:55
Una scena da "La Grande Bellezza"

Una scena da “La Grande Bellezza”

ROMA – Neanche un grazie a Silvio Berlusconi. Eppure è “l’Oscar di Berlusconi”, come ci tiene a titolare Alessandro Sallusti. Il direttore del Giornale firma un editoriale nel quale esprime il suo rammarico per i mancati ringraziamenti a Silvio Berlusconi per l’Oscar vinto da “La Grande Bellezza“, film prodotto dalla Medusa riconducibile, appunto, a Berlusconi.

Napolitano, Boldrini, Franceschini, onorevoli, ministri e cariche dello Stato, tutti a ringraziare, giustamente, il vincitore dell’Oscar e gli attori e non una parola a chi ha permesso che quel film esistesse:

Perché chi ha permesso a Sorrentino di salire sul palco, quello che – per citare i signori di cui sopra- non ha avuto paura di allargare le sue ambizioni, di investire propri soldi, quello che va ringraziato, quello che ha capito che il cinema è una risorsa e che ha contribuitoafarevincere l’Italia ha unnome e un cognom evolutamente assenti dai loro commenti. Si chiama Silvio Berlusconi, fondatore e azionistadi maggioranza del gruppo Mediaset,la cui controllata Medusa ha creduto nel progetto di Sorrentino, prodotto (insieme a piccoli partner) e distribuito la pellicola.

Scusate Renzi, Franceschini, Vendola, Boldrini, Napolitano e soci: dire un grazie alla più importante e prestigiosa azienda culturale privata del Paese, Mediaset,èchiederetroppo?

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other