Assegno unico per i figli, sì unanime alla Camera. Ora passa al Senato

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 Luglio 2020 22:00 | Ultimo aggiornamento: 21 Luglio 2020 20:29
Assegno unico figli, sì unanime alla Camera. Ora passa al Senato

Assegno unico per i figli, sì unanime alla Camera. Ora passa al Senato (Foto Ansa)

Sì unanime della Camera alla proposta di legge per l’assegno unico e universale per i figli. Ora passa al Senato.

L’assegno unico prevede che ogni mese le famiglie ricevevano un assegno per ciascun figlio dalla nascita fino ai 21 anni. L’ammontare della cifra, secondo le prime ipotesi, è tra i 200 ed i 250 euro mensili, ma molto dipenderà dalla riforma fiscale.

Alla Camera i voti favorevoli sono stati 452. Il provvedimento, approvato in prima lettura con una sola astensione, dovrà ora avere l’ok del Senato.

L’obiettivo è quello di “riordinare, semplificare e potenziare” le misure già esistenti a sostegno dei figli a carico, in particolare eliminare le molte detrazioni attualmente esistenti ed evitare che alcune famiglie possano rimetterci con la nuova misura.

L’assegno unico e universale è un aiuto soprattutto alle famiglie numerose visto che dal terzo figlio è prevista una maggiorazione dell’importo. Così come sarà superiore la cifra per le famiglie che hanno figli disabili, quantificata tra il 30% ed il 50% in più dell’importo base.

Ovviamente la modulazione della somma sarà stabilita sulla base della condizione economica del nucleo familiare (ISEE) e tenendo conto dell’età dei figli a carico.

L’erogazione dell’assegno decorre dal settimo mese di gravidanza, mentre per i maggiorenni a carico sarà dato “a determinate condizioni” e fino al compimento del ventunesimo anno di età, con possibilità di corresponsione dell’importo direttamente al figlio.

L’obiettivo, come più volte annunciato dalla ministra alle Pari Opportunità e alla Famiglia Elena Bonetti è di cominciare ad erogare la somma mensile a tutte le famiglie dal prossimo anno.

Una cifra “chiara e definita” per ogni figlio, secondo Bonetti, che aiuterà a “calibrare la progettualità di vita delle famiglie” e sancisce che “ogni bambino è un valore per tutta la comunità”. (Fonte: Ansa).