Atac, Ignazio Marino si scusa con i romani: Azzero i vertici e apro a privati

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 luglio 2015 15:09 | Ultimo aggiornamento: 24 luglio 2015 15:09
Atac, Ignazio Marino si scusa con i romani e annuncia: Azzero vertici e apro a privati

Atac, Ignazio Marino si scusa con i romani e annuncia: Azzero vertici e apro a privati

ROMA – Ignazio Marino chiede scusa ai romani per tutti i disagi che tra scioperi, scioperi bianchi e guasti stanno vivendo con l’Atac, annuncia l’intenzione di azzerare i vertici e apre ai privati.

“Intendo scusarmi con i cittadini e i turisti per i disagi inaccettabili nel nostro trasporto locale” spiega  il sindaco di Roma durante una conferenza in Campidoglio su Atac dopo il caos che si sta registrando negli ultimi tempi in particolare sul servizio della metropolitana e della ferrovia Roma-Lido.

Quindi il sindaco annuncia: “Ho deciso di cambiare il cda di Atac e di allontanare tutti i dirigenti responsabili delle inefficienze”. Non solo, Marino chiede un passo indietro anche all’assessore ai trasporti Guido Improta, già intenzionato a dimettersi:  “È necessario un immediato cambio di rotta. Per questo ho chiesto all’assessore Improta di formalizzare le sue dimissioni”.

Infine l’annuncio sull’apertura ai privati:

“Insieme a Zingaretti abbiamo deciso che da oggi Comune, Regione e Atac si impegnano a cercare un partner industriale mantenendo la maggioranza pubblica”. “Abbiamo dato mandato all’azienda di scrivere un piano industriale vero e forte per indire la gara – spiega – in questo modo anticipiamo l’avvio di un processo nazionale che impone di non gestire più il servizio in house a partire dal 2019”. “L’unica alternativa era chiudere Atac, portare i libri in tribunale e chiudere l’azienda mettendo a rischio lavoratori e servizio – aggiunge – sarebbe stata la solizione più facile ma penso che così possiamo farcela senza arrivare a una situazione così drammatica”.