Aurelio De Laurentiis: “De Luca il meglio, il Napoli vota lui”. Adl si autonomina “influencer” politico

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Settembre 2020 11:07 | Ultimo aggiornamento: 21 Settembre 2020 11:07
Aurelio De Laurentiis e De Luca

Aurelio De Laurentiis con il presidente della Campania De Luca (Ansa)

Il Napoli, inteso come la squadra di calcio, invita a votare De Luca presidente della Campania. Il presidente del Napoli a suo modo è un’apripista.

Per Aurelio De Laurentiis, De Luca è il “meglio che c’è al momento”. La sortita, anche con gli occhiali del populista più entusiasta, non può nascondere il macroscopico tentativo di invasione di campo. A urne aperte. A che titolo?

L’endorsement di De Laurentiis per De Luca richiama le avventurose imprese elettorali di Achille Lauro, suo illustre predecessore al Napoli calcio.

Senza tuttavia raggiungere le altezze di Berlusconi politico/presidente che sventolava le Coppe Campioni del Milan come programma di governo.

Magari assistiamo agli effetti di una deriva democratica di lungo corso. O forse dobbiamo riconoscere i postumi dell’infezione da Covid che il presidente Aurelio De Laurentiis  aveva allegramente scambiato per un’indigestione di ostriche. E allegramente trasmesso tra i presidenti di società di calcio. 

De Laurentiis, peraltro, non risiede e non vota in Campania. Si è autonominato “influencer” politico su Twitter. Seguono reazioni indignate.

Aurelio De Laurentiis: “De Luca il migliore del momento”

“Cari Campani, il Napoli sostiene la candidatura di De Luca per il secondo quinquennio di presidenza della Campania. Oggi è l’unico politico che può risollevare le sorti della Regione a livello nazionale e internazionale. Non abbiate dubbi. E’ lui l’uomo migliore del momento”.

Questo il messaggio sul suo profilo Twitter, nel giorno del voto, del presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis. A conferma del suo appoggio al presidente uscente alle elezioni regionali in programma oggi e domani.

Una scia di commenti negativi: “Non usi la nostra fede sportiva”

Il tweet ha lasciato una lunga scia di commenti negativi: questione di opportunità, e di scarso rispetto dei tifosi. per il sostegno a una candidatura di parte.

“Non può usare il Napoli per fare propaganda politica ad un suo amico. Parli a nome suo, non usi la nostra fede per la politica”, scrive un tifoso.

Critiche al tweet sono arrivate anche da club di tifosi della Torretta, dei Quartieri Spagnoli, di Gragnano e di Scafati.

Amitrano (M5S): “Strumentalizza lo sport e la fede calcistica”

“Il tweet di endorsement elettorale del presidente del Napoli De Laurentiis, a urne aperte, è un gesto irrispettoso. Essere proprietario di una società calcistica non lo autorizza ad esporla politicamente in questo modo”.

Lo afferma il deputato M5s Alessandro Amitrano, secondo il quale “strumentalizzare lo sport e la fede calcistica denota una grave mancanza di stile e correttezza istituzionale”. (fonti Twitter e Ansa)