Politica Italia

Avvenire si schiera a favore dello ius soli. Non tutti i parroci sono d’accordo: “Scelta politica”

Avvenire si schiera a favore dello ius soli

La prima pagina di Avvenire

ROMA – Avvenire prende posizione a favore dello ius soli con una prima pagina sul giornale in cui c’è scritto “tutti italiani non ancora concittadini”.

“Chi e perché vuol mettere paura agli italiani? Chi e perché prova in tutti i modi a istillarci l’idea che la nostra civiltà non sia più buona né ‘contagiosa’?” scrive nell’editoriale Marco Tarquinio, il direttore del quotidiano dei vescovi, che prende decisamente posizione a favore dello Ius soli.

Una posizione che però divide la chiesa italiana, con alcuni sacerdoti che in quelle parole non si rivedono. Se Avvenire sposa la linea della Cei e di Papa Bergoglio, don Paolo Pizzuti della parrocchia San Giuseppe da Copertino, non è d’accordo e su Facebook scrive tutta la sua avversione per la proposta.

“Spiacente, questo è fare politica, oggi niente distribuzione di Avvenire in parrocchia”.”Non è compito del quotidiano intervenire così su questioni di diritto amministrativo. Qui non è in ballo un valore fondamentale”.

Contro Avvenire anche Filippo Savarese, portavoce di Generazione famiglia.

“Una pagina del genere sulle unioni civili non c’è stata. Libera scelta editoriale. Ma allora liberi tutti”.

To Top