Ballottaggi Comunali 2013: sabato di “silenzio elettorale”. Alle 16 si insediano seggi

Pubblicato il 8 Giugno 2013 17:37 | Ultimo aggiornamento: 8 Giugno 2013 17:46
Gianni Alemanno e Ignazio Marino (LaPresse)

Gianni Alemanno e Ignazio Marino (LaPresse)

ROMA, 8 GIU – E’ scattato dalla mezzanotte il ‘silenzio elettorale’, ovvero il divieto di effettuare comizi, riunioni di propaganda elettorale diretta o indiretta in luoghi pubblici o aperti al pubblico, nuova affissione di stampati, giornali murali o altri manifesti, diffusione di trasmissioni radiotelevisive di propaganda.

Sempre nella giornata di oggi, sabato 8 giugno, prima dell’insediamento del seggio, deve essere consegnato ai presidenti di seggio il materiale che occorre per la votazione e lo scrutinio. Alle 16 viene costituito il seggio elettorale da parte del presidente; vengono quindi autenticate le schede, apponendo la firma dello scrutatore, e apposto il timbro.

Concluse tutte le operazioni, il presidente sigilla l’urna, le cassette con le schede e chiude il plico con i verbali. Quindi rimanda le operazioni dell’ufficio alle ore 8 del mattino successivo. Domani domenica 9 giugno e lunedì 10, si sfideranno per il turno di ballottaggi i candidati a sindaco in 67 comuni, di cui 11 capoluoghi di provincia: Ancona, Avellino, Barletta, Brescia, Iglesias, Imperia, Lodi, Roma, Siena, Treviso e Viterbo. Sale intanto l’attesa sui dati relativi all’affluenza, in forte calo due settimane fa rispetto alle precedenti elezioni comunali, soprattutto a Roma, dove al primo turno lo ‘sciopero del voto’ ha fatto disertare i seggi a quasi un elettore su due.