Barbareschi (Fli): stop alle interferenze della Chiesa sulle unioni gay

Pubblicato il 17 agosto 2010 14:44 | Ultimo aggiornamento: 17 agosto 2010 20:03

Luca Barbareschi

”Un altro paese cattolico come l’Argentina ha realizzato le coppie gay e la presidente Kirchner i rilievi della Chiesa li ha definiti ‘sciocchezze medievali’. Da noi su ogni questione bisogna sentire il vescovo o il cardinale di turno, che tra l’altro non pagano neanche le tasse nel nostro paese e pretendono di dettare legge”. Lo ha detto Luca Barbareschi, deputato del Fli, intervistato da KlausCondicio, programma di You Tube.

”Certamente, un gay o una lesbica – ha aggiunto Barbareschi rispondendo ad una domanda – possono essere un ottimo padre o madre e l’eterosessualita’ dei genitori non e’ sempre garanzia di capacita’ educativa. Dobbiamo essere cauti nel dire che un padre bisessuale e’ un cattivo padre o che un gay a priori non possa adottare. L’importante e’ che due persone siano equilibrate”.

”Il pregiudizio sugli omosessuali – ha detto ancora Barbareschi – e’ molto diffuso anche a sinistra. Qualche sera fa ero a cena con un big della sinistra, una persona molto importante, un punto di riferimento della gauche mediatica, molto colta. Mi aspettavo il meglio. Mi ha chiesto di una persona: ma quello li, e’ un frocio? Perche’ se e’ frocio meglio non fidarsi”.

Un altro tema toccato dal parlamentare finiano e’ stato quello dell’immigrazione: ”i marocchini sono un popolo educato e poi, quando vengono da noi, imparano il peggio. Voglio vivere in un paese tollerante che integra e non divide, che fa rispettare le regole ma non delinea cittadini di ‘serie A’ e di ‘serie B’ e consente a cittadini di prima generazione di fare i sindaci e i governatori”.