Daniele Belardinelli, Salvini coi tifosi: “Sì alle trasferte collettive, no alla chiusura degli stadi”

di redazione Blitz
Pubblicato il 7 gennaio 2019 22:17 | Ultimo aggiornamento: 7 gennaio 2019 22:17
Daniele Belardinelli, Salvini coi tifosi: "Sì alle trasferte collettive, no alla chiusura degli stadi"

Daniele Belardinelli, Salvini coi tifosi: “Sì alle trasferte collettive, no alla chiusura degli stadi” (Foto Ansa)

ROMA  –  Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, si schiera con i tifosi nonostante gli scontri del 26 dicembre a Milano, costati la vita al tifoso del Napoli, Daniele Belardinelli. E dice sì al ritorno delle trasferte collettive dei tifosi, no alla chiusura degli stadi ed alla sospensione delle partite in caso di cori offensivi. Si tratta di sradicare “seimila delinquenti”, ma il 99% dei 12 milioni di tifosi che ogni settimana vanno a sostenere la propria squadra è sano e va tutelato, spiega alla riunione convocata alla Scuola di polizia con i vertici del mondo sportivo.

Secondo il vicepremier, milanista con un passato in curva, i tifosi “vanno responsabilizzati”. Salvini ha premesso che “non si può morire di calcio nel 2018”, ma ha sottolineato i dati positivi sul fronte ultras registrati nella prima parte della stagione (luglio-novembre 2018): i feriti sono il 60% in meno dello stesso periodo dell’anno precedente, quelli tra gli agenti sono calati del 50% mentre si sono azzerati tra gli steward.

Nel corso della riunione c’è chi ha proposto una stretta sui cori razzisti ed uno stop agli striscioni offensivi. Ma il ministro ha frenato: “Lo stadio deve essere colorato e colorito”. E quanto all’ipotesi di sospensione della partita in caso di cori razzisti, ha sottolineato, “è un tema molto scivoloso: rischiamo di mettere in mano a pochi il destino di tanti. Io preferisco prevenire e non lasciare potere di ricatto ad una frangia minoritaria. E poi è difficile trovare criteri oggettivi per la decisione”.

Il titolare del Viminale ha anche auspicato il ritorno delle trasferte collettive dei tifosi “perché sono più controllabili”, mentre si è detto “assolutamente contrario alla chiusura degli stadi ed al divieto di trasferte perché è la resa dello Stato: bisogna garantire che chi sbaglia da tifoso paghi e chi sbaglia da tesserato paghi il doppio perché ha responsabilità in più, ma no a sanzioni collettive, non è giusto che paghi un club, un’intera tifoseria o una città”.

Ha quindi invocato le camere di sicurezza negli stadi e ribadito la volontà che i club contribuiscano alle spese per la sicurezza: nel 2018 sono stati impiegati ben 75mila agenti per gli eventi sportivi.

Il sottosegretario con delega allo Sporti, Gianluca Giorgetti, da parte sua, ha chiesto a società e leghe di “impegnarsi sulle date e gli orari delle partite, che vanno regolati secondo precise esigenze” ed ha invitato tesserati e media a “non stimolare la retorica ultras che alimenta il proselitismo. Soprattutto i presidenti e i giocatori non devono gettare sempre benzina sul fuoco. Gli arbitri sappiamo che sbagliano ma bisogna cambiare culturalmente”.

Il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina, infine, ha messo sul tavolo la necessità di “semplificare la procedura per la sospensione di una partita in caso di cori discriminatori, pene più severe per chi commette illeciti, più controllo sui sottoposti a Daspo, maggior ruolo per gli steward”.