Beppe Grillo rilancia il referendum sull’euro e denuncia il “colpo di stato” che nega governo a M5S

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 maggio 2018 12:04 | Ultimo aggiornamento: 4 maggio 2018 14:35
Beppe Grillo: "Referendum sull'euro, voglio che il popolo italiano si esprima". Lo sa Di Maio?

Beppe Grillo: “Referendum sull’euro, voglio che il popolo italiano si esprima”. Lo sa Di Maio?

ROMA – Beppe Grillo non ha affatto abbandonato l’idea di un referendum sull’euro, anzi l’ha appena rilanciata nel corso di una intervista rilasciata al al sito e mensile francese Putsch. “Ho proposto un referendum per la zona euro, voglio che il popolo italiano si esprima “, ha dichiarato incurante dei tormenti del Movimento 5 Stelle a guida Di Maio che sul tema ha cercato di fugare dubbi e riserve in vista di un accordo di governo poi sfumato.

“Oggi siamo nella post-democrazia. C’è stato un colpo di Stato al contrario. Hanno utilizzato la democrazia per distruggerla”, ha aggiunto Grillo. “In realtà – continua Grillo – a causa di una legge elettorale, ci siamo ritrovati, già lo sapevamo, in un’impasse. La legge è stata decisa a tavolino per impedirci di governare. Allora, cos’è la democrazia? Non lo so, ma la democrazia dovrebbe consentire a chi prende più voti di governare”.

App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui

Ladyblitz – Apps on Google Play

Tornando all’euro, “tutti i trattati che sono stati firmati erano giusti ma sono stati deformati da regolamenti”, concede Grillo prima di aggiungere che “in seno al Movimento Cinque Stelle, abbiamo riflettuto a 7 punti come il Patto di bilancio europeo, l’eurobond, l’euro-obbligazione o ancora la condivisione del debito. Se siamo un’unione di paesi, dobbiamo condividere”. Dimenticando, peraltro, che un referendum popolare su un trattato internazionale è espressamente vietato dalla Costituzione.

Secondo Grillo “ci sono due economie… quella del Nord e del Sud. E noi, gli italiani, siamo nel Sud. Ho dunque proposto un referendum per la zona euro. Voglio che il popolo italiano si esprima. Il popolo è d’accordo? C’è un piano B? Occorre uscire o no dall’Europa?”, ha detto Grillo.

E poi, incalzato sulla natura della Ue, questa unione rispetta la libertà dei popoli?: “Dipende da cosa intendiamo per libertà delle persone. Libertà: cosa significa? Libertà, fratellanza… è il significato delle parole… ci mancano le parole per definire nuovi concetti. Oggi la democrazia è uno stato decentralizzato. Ci stiamo muovendo verso l’autonomia e l’indipendenza, nonché il federalismo del pensiero, delle energie, dei flussi e delle politiche, e della democrazia in particolare. Ci dovrebbe essere un’Europa delle regioni su scala mondiale. Penso a un’Europa del genere, perché ciò che è accaduto finora mi lascia in dubbio”.