Beppe Grillo scappa da Roma, niente spettacolo, rimandato al nuovo Governo

di Ama La Sunta
Pubblicato il 21 febbraio 2018 6:29 | Ultimo aggiornamento: 21 febbraio 2018 6:23
Beppe Grillo scappa da Roma, niente spettacolo, rimandato al nuovo Governo

Beppe Grillo (Ansa)

ROMA – Beppe Grillo “latitante”? Scappa da Roma: “Ciao, ci vediamo dopo le elezioni”. Ovvero: Beppe Grillo non se l’è sentita ed ha rinviato le due date del suo spettacolo “Insomnia” al teatro Flaiano, a Roma. Ha deciso di posticipare lo show, che era previsto per il 23 e 24 febbraio, a dopo le elezioni, il 23 e 24 marzo.

“Che ci vengo a fare a Roma in quel periodo lì, mi assaltano, dovrei passare due giorni chiuso in albergo”, ha spiegato il comico ai collaboratori. In questo ultimo periodo di campagna elettorale Grillo è rimasto in disparte ed usa come sempre il suo blog per dare l’annuncio: “Gli spettacoli in programma a Roma (Teatro Flaiano) sono stati posticipati. I biglietti già acquistati restano validi per le nuove date. È possibile richiedere il rimborso del biglietto, presso il Punto Vendita dove è stato effettuato l’acquisto, entro e non oltre il 7 marzo”.

Certo è che la scelta di Beppe Grillo ha destato non pochi sospetti. In molti hanno valutato questa scelta come un ulteriore disimpegno dalla campagna elettorale. C’è un caso eclatante: nell’unica apparizione pubblica, a Torre del Greco, Grillo ha parlato per dieci minuti scarsi, svariando sui temi dello sviluppo sostenibile e delle energie rinnovabili che sono la nuova e insieme antica cifra del suo agire pubblico negli ultimi mesi. Un paio di battute fragili contro gli avversari politici, nessun endorsement per il candidato premier.

Insomma un Beppe Grillo rinunciatario che non siamo abituati a vedere. C’è da capire se è una strategia politica o se davvero le voci di corridoio che parlano di un allontanamento dal Movimento 5 Stelle per fondare un nuovo soggetto politico con Alessandro Di Battista siano fondate.

Il faccia a faccia coi giornalisti è solo rinviato, visto che i giorni scelti per lo spettacolo a Roma sono proprio i giorni dell’insediamento del nuovo Governo.