Beppe Grillo attacca: “Tanti suicidi… solo i politici non si uccidono”

Pubblicato il 6 Gennaio 2012 20:18 | Ultimo aggiornamento: 6 Gennaio 2012 20:18

ROMA – Beppe Grillo spara la sua ultima provocazione e dice: “Imprenditori, disoccupati, pensionati, si danno il turno. Mentre fra i politici non si ammazza nessuno”. Poi aggiunge: “E’ iniziato ufficialmente l’anno dei suicidi – scrive Grillo – Ogni giorno si ammazzano almeno due persone. Si danno il turno pensionati, disoccupati e imprenditori. Di solito si impiccano o si buttano dalla finestra. I più facoltosi si sparano nel proprio ufficio e quelli veramente disperati si accoltellano al cuore per strada. E’ un morbo che colpisce tutte le categorie sociali, dal nord al sud del Paese, tranne una, quella dei politici”.

“Neanche l’aumento di 10 centesimi alla buvette di Montecitorio è riuscito a deprimerli – continua l’artista genovese – A quando risale l’ultima dipartita spontanea di un senatore o di un deputato? Abbiamo i parlamentari più pagati e più longevi del mondo. Sarà una coincidenza? I poveri e i falliti si ammazzano, per i ricchi e i potenti è più difficile, ma capita, per i politici italiani è impossibile. Ogni tanto però anche a loro capita di sentirsi un po’ giù, allora prendono l’aereo e partono per le Maldive”.